Campania e Sardegna pronte per la ricetta elettronica

Farmacia | Redazione DottNet | 27/11/2014 18:06

Novità per i cittadini campani e sardi che, d'ora in poi, si vedranno rilasciare dal proprio medico di base non più la "vecchia" ricetta rossa cartacea, ma un mero promemoria con il quale potranno ritirare i farmaci di cui necessitano nella farmacia sotto casa. Federfarma Campania, infatti, ha illustrato ai propri iscritti il funzionamento del nuovo sistema informatizzato, in una riunione cui ha partecipato anche il sub commissario regionale Ettore Cinque. Per la Sardegna l'appuntamento è fissato per il 2015

Parte, dunque, la ricetta dematerializzata, a regime dopo la fase sperimentale: anche i cittadini campani, così come avviene in altre regioni, per ritirare i farmaci prescrivibili, non dovranno far altro che portare in farmacia il promemoria rilasciato dal proprio medico curante ed esibire la tessera sanitaria. Leggendo il codice a barre impresso sul promemoria, al farmacista appariranno direttamente sul monitor del proprio computer i farmaci e le quantità di cui il paziente necessita secondo la prescrizione medica.

 

Una semplificazione pratica per i cittadini, ma anche un importante snellimento delle procedure burocratiche e contabili per farmacie ed ASL; con questo sistema, infatti, l'ASL avrà direttamente ed immediatamente contezza delle ricette, con conseguente razionalizzazione del lavoro per i farmacisti. "Ovviamente - spiega Michele Di Iorio, Presidente di Federfarma Campania - immaginiamo che all'inizio potrà esserci qualche disagio per i cittadini, soprattutto per quelli più anziani. Ecco perché abbiamo fatto esporre in tutte le oltre 1700 farmacie della Regione opuscoli e manifesti informativi per informare i cittadini". "Siamo soddisfatti - prosegue Di Iorio - per la fattiva collaborazione con la Regione; con questo sistema si velocizza il servizio offerto ai cittadini in farmacia e si semplifica, sia per noi che per le ASL, anche la contabilizzazione delle ricette".

Anche la Sardegna manda in "pensione" la ricetta medica cartacea, a partire dal 2015 sarà sostituita dalla trasmissione telematica. Sparirà dunque, gradatamente, la ricetta 'rossa' utilizzata per la prescrizione di farmaci, esami e visite specialistiche a carico del servizio sanitario nazionale, e al suo posto ci sarà una più rapida trasmissione per via telematica. Il piano predisposto dalla Regione, che coinvolge circa 1600 medici di famiglia e pediatri di libera scelta, prevede di mettere in rete entro il 2015 tutti i medici, di sostituire la ricetta cartacea con quella elettronica e di creare una cartella sanitaria individuale per ogni singolo paziente. Sono stati stanziati 10,5 milioni di euro per la programmazione degli interventi che serviranno alla "dematerializzazione della prescrizione medica e allo sviluppo del fascicolo sanitario elettronico", da integrare sull'attuale dotazione della linea di attività Por Fesr 2007-2013. La ricetta telematica sarà definita mediante accordi specifici tra il ministero dell'Economia e Finanze, quello della Salute e le singole Regioni, tenuto conto delle infrastrutture regionali già realizzate

 

 

 

Fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato