I polimorfismi del gene SLCO1B1 influenzano la terapia con statine

Francesco Melis | 04/12/2014 18:38

I polimorfismi a singolo nucleotide (SNPs) del gene SLCO1B1 che codifica per Organic Anion-Trasporting Polipeptide 1B (proteina regolante la captazione epatica delle statine) sembrano essere coinvolti nella patogenesi della miopatia da simvastatina.

Obiettivo del nostro studio è stato quello di valutare se i polimorfismi rs4149056 (Val174Ala) e rs2306283 (Asp130Asn) del gene SL-CO1B1 influenzano la tollerabilità al trattamento con atorvastatina e rosuvastatina.

Nell’ambito di uno screening su 700 pazienti dislipidemici, afferenti all’ambulatorio di lipidologia e tutti in trattamento con atorvastatina o rosuvastatina, ne sono stati arruolati 132, 64 dei quali presentavano mialgia e/o valori di CPK>200 UI/L (“casi”), e 68 valori di CPK<200 UI/L ed assenza di mialgia (“controlli”).

Tutti sono stati genotipizzati per rs4149056 (Val174Ala) e per rs2306283 (Asp130Asn). L’analisi degli SNPs è stata effettuata con Applied Biosystems 7300 real-time PCR System. La “minimal allele frequency” dell’allele C dello SNP1 nei “casi” è di 0,37 e nei “controlli” di 0,10; per lo SNP2 nei “casi” è di 0,61 e nei “controlli” è di 0,55.

I dati ottenuti mostrano una frequenza allelica statisticamente significativa (TT/CT/CC) per SNP1: nei “casi” rispettivamente 53/20/27% e nei “controlli” 81/17/2% (p=0,000); mentre la frequenza dello SNP2 non presenta variazioni significative nei due gruppi (casi 17/48/35%, controlli 22/45/33%).

I valori mediani di CPK nei due gruppi relativamente agli alleli dello SNP1 evidenziano differenze significative nei CT: “casi” 322 UI/L (197-606) vs “controlli” 93 UI/L (41-142) p=0,000; nei wild type: “casi” CPK 304 UI/L (211-515) vs “controlli” 71 UI/L (49-96) p=0,000. Dei 32 “casi” wild type per lo SNP1 28 risultavano però essere mutati per lo SNP2 (12 CC e 16 CT).

I nostri dati sembrano confermare l’influenza esercitata da questi due polimorfismi sulla miopatia da statine.

Bibliografia: F. Melis, D. Siepi, R. Paltriccia, I. Montecarlo, M.A. Ricci, A.R. Roscini, S. De Vuono, M. Pirro, G. Lupattelli, E. Mannarino Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Sez. Medicina Interna, Angiologia e Malattie da Arteriosclerosi, Università degli Studi di Perugia.