Obesità: studio Usa, -18% bimbi sovrappeso con bando a spot di fast-food

Redazione DottNet | 05/12/2008 13:18

La lotta all'obesità giovanile si combatte anche in Tv, semplicemente mettendo al bando gli spot delle catene di fast-food, 'diavolo tentatore' a cui i ragazzi non sanno resistere. A sostenere la linea del divieto di pubblicità del cibo spazzatura è l'ultimo studio statunitense secondo cui l'assenza degli spot da sola riuscirebbe a ridurre del 18% il numero dei bambini sovrappeso.

 

Una linea per ora adottata solo da Svezia, Norvegia e Finlandia, mentre gli esperti statunitensi del National Bureau of Economic Research si domandano se una simile imposizione sia praticabile. In sostanza se contrasti, o no, con il libero mercato e la concorrenza che sostiene il sistema economico occidentale.
In attesa di una risposta, gli Usa ingrassano a ritmi impressionanti. Secondo i dati del maggiore centro epidemiologico del Paese, i Centers for Disease Control and Prevention, è sovrappeso il 13,9% dei bambini trai 2 e i 5 anni, il 18,8% di quelli tra i 6 e gli 11 e oltre il 17% degli adolescenti tra i 12 e i 19. Lo studio statunitense, cofinanziato dal Governo federale, ha verificato l'impatto degli spot sul peso di giovani e giovanissimi, studiando un campione di 13 ragazzi dal 1979 al 1997. La ricerca è pubblicata sul 'Journal of Law and Economics'. I ricercatori hanno misurato la quantità di pubblicità di fast-food vista dal campione ogni settimana. Scorrendo i decenni messi sotto esame, gli scienziati hanno scoperto che, in media, negli anni '70 i giovani subivano l'assalto di circa 20 mila spot commerciali l'anno, saliti a 30 mila negli anni '80 e a oltre 40 mila nel decennio seguente. "Le nostre conclusioni – rivelano i ricercatori dell'università della Pennsylvania - dimostrano come bandendo gli spot dalla tv si registra una riduzione del 18% del sovrappeso nei bambini trai 3 e gli 11 anni, e del 14% tra gli adolescenti (12-18 anni)".

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato