Crollano le vendite dei vaccini antinfluenzali: meno 30 per cento

Farmaci | Redazione DottNet | 07/12/2014 17:34

'L'effetto Fluad' ha provocato un pesante colpo alla campagna antinfluenzale e alle vendite di vaccini, anche nelle farmacie. Un impatto difficile da stimare e che per il momento non si basa su dati sistematicamente raccolti, ma che potrebbe aggirarsi intorno al 30% anche se, come chiarito fin dall'inizio, il Fluad non rientrava tra le marche in vendita nei presidi di Croce Verde.

"Registriamo un -30% di vendite rispetto al 2013. Io stesso ne avevo venduti 70 lo scorso anno di questi tempi, quest'anno 20", commenta Michele Di Iorio presidente di Federfarma Campania. "In Sicilia circa -45% ma in parte è anche dovuto al clima particolarmente mite di quest'anno. In genere con i primi freddi aumentano le vendite", sottolinea il presidente regionale di Federfarma Gioacchino Nicolosi. In Emilia Romagna il presidente regionale Domenico Dal Re "parla di una flessione più lieve, circa 15%, almeno nella mia farmacia". "Da noi - commenta il presidente di Federfarma Veneto, Alberto Fontanesi - le vendite si son bloccate da una settimana all'altra, con una riduzione dell'80-90%. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno si sono ridotte del 30%. Ora stiamo riprendendo quota".

Dati raccolti a macchia di leopardo, ma che "confermano l'impatto mediatico innescato dall'allerta", secondo il presidente di Federfarma Annarosa Racca. "E' ancora presto per dare dei numeri precisi, ma - prosegue - i danni saranno probabilmente notevoli per quello che riguarda gli obiettivi della campagna vaccinale, con conseguenti ripercussioni per la salute delle persone, perché il vaccino anti-influenzale salva molte vite e diminuisce l'uso di antibiotici".

 

fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato