Epatite, in Usa iniziata la guerra ai ribassi per il super farmaco

Redazione DottNet | 22/12/2014 17:50

Negli Usa è già iniziata una 'guerra al ribasso' sui prezzi dei 'superfarmaci' contro l'epatite C, a pochi giorni dall'approvazione da parte dell'Fda della terapia messa a punto da Abbvie, che si affianca a quella Gilead. Lo riportano diversi media statunitensi tra cui New York Times e Wall Street Journal, secondo cui il principale distributore americano ha deciso di optare per la nuova in esclusiva in cambio di un forte sconto.

L'alto prezzo del Sovaldi, il farmaco prodotto da Gilead appena approvato anche in Italia, ha suscitato forti polemiche anche oltreoceano, dove è stato oggetto anche di una interrogazione parlamentare. L'azienda Express Scripts, che gestisce i farmaci di 25 milioni di persone, ha deciso di optare solo per la concorrente a partire dal 2015. ''Il nostro interesse è trattare tutti i pazienti - ha spiegato Steve Miller, il capo medico della compagnia - AbbVie lo ha reso possibile con uno sconto significativo''.

In Italia il farmaco AbbVie è usato per ora in via compassionevole, in attesa del via libera definitivo da parte della Commissione Ue che dovrebbe arrivare entro pochi mesi. Per queste terapie la legge di Stabilità ha messo a disposizione un miliardo di euro in due anni

 

fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato