Distribuzione dei farmaci, Regioni preoccupate per la liberalizzazione

Redazione DottNet | 18/02/2015 20:13

Le iniziative per la liberalizzazione della distribuzione dei farmaci o di parte di essa destano la preoccupazione delle Regioni. Ad esprimere questa inquietudine è il vicepresidente della Regione Liguria, Claudio Montaldo, che presiede il Comitato di settore del comparto Regioni-Sanità e che ha inviato una lettera al presidente del Consiglio e ai ministri alla salute e allo Sviluppo Economico, Beatrice Lorenzin e Federica Guidi.

Secondo Montaldo c'è il rischio di "creare un grave danno per la fascia più debole della popolazione assistita dal servizio sanitario e di colpire farmacie periferiche". Il vicepresidente ligure sottolinea poi "la misura prospettata è in assoluta contraddizione con quanto scritto nel Patto per la Salute", laddove "le farmacie sono considerate parte del sistema sanitario e uno strumento per fornire servizi in modo capillare anche nei territori meno densamente abitati". "La farmacia, a differenza di un qualsiasi punto di distribuzione commerciale - spiega Montando - può offrire informazioni, assistenza e consigli ai pazienti" ed è "ormai in molti casi servizio Cup per prenotazioni e pagamento ticket, rivolto in particolare agli anziani e alle persone in maggiore difficoltà, fino alla vera e propria presa in carico di malati cronici".

 

Non è un caso che "la nuova convenzione con le farmacie, che stiamo per cominciare a discutere con le associazioni rappresentative del settore" vada proprio "in questa direzione". "La nuova convenzione si fonda, infatti, su una versione innovativa della farmacia", strumento "non più di mera consulenza, di supporto e di prevenzione". Va poi considerato, scrive ancora Montaldo, che "il maggiore controllo delle prescrizioni, gli acquisti centralizzati, i tetti di spesa farmaceutica territoriale e la parziale liberalizzazione, con la nascita delle parafarmacie, hanno ridotto i volumi di attività, creando consistenti difficoltà proprio alle farmacie rurali e a quelle decentrate che sono più importanti per garantire la capillarità del servizio". "La liberalizzazione così come prospettata - conclude Montaldo - metterebbe in difficoltà questa parte di imprese e di conseguenza la popolazione di riferimento, senza considerare gli aspetti occupazionali".

 

Il ruolo sociale e sanitario delle farmacie e' riconosciuto nelle sentenze della Corte Costituzionale. A ricordarlo, in una nota, Federfarma (Federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani), che evidenzia come più volte la Corte costituzionale ha affermato che il servizio offerto dalle farmacie è finalizzato ad "assicurare una adeguata distribuzione dei farmaci, costituendo parte della più vasta organizzazione predisposta a tutela della salute".

 

E' per questo- aggiunge Federfarma- che l'attività delle farmacie non può essere considerata una comune attività commerciale e la normativa sul servizio farmaceutico presenta caratteristiche peculiari, che sono state riconosciute sia dalla giurisprudenza della Corte costituzionale che da quella amministrativa. Da queste sentenze emerge un quadro- si legge ancora nella nota- nel quale la farmacia viene individuata come strumento imprescindibile per il diritto alla salute. Altrettanto importanti- rileva la Federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani- sono state alcune sentenze della Corte di giustizia dell'Unione Europea che, nell'arco di oltre un decennio, ha respinto una serie di richieste di liberalizzazione dell'attività delle farmacie. "Nel corso degli anni-spiega il presidente di Federfarma Annarosa Racca- il giudice europeo ha valutato i più rilevanti profili della attività di farmacia: dai requisiti di titolarità e gestione alla disciplina della vendita dei medicinali con obbligo di ricetta medica ("fascia C"), dalla pianta organica agli orari e ai turni e le esigenze della liberalizzazione non hanno mai prevalso su quelle della tutela della salute".

 

 

Fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato