Un agente adesivo per trattare le vene varicose: sì dall'Fda

Medicina Interna | Redazione DottNet | 02/03/2015 16:02

E' in arrivo una terapia per trattare in modo permanente le vene varicose delle gambe, sigillando quelle superficiali tramite l'uso di un agente adesivo. La Food and drug administration (Fda), l'ente Usa che regola i farmaci, ha infatti approvato il primo trattamento del genere, come spiega sul suo sito. Ci sono due tipi di vene varicose, profonde e superficiali.

Chi soffre di questo disturbo può non avere sintomi, mentre in alcuni casi può avere dolore moderato, coaguli sanguigni, ulcere cutanee o altri problemi. In questi casi i medici prescrivono l'uso di calze elastiche o interventi per rimuovere o chiudere le vene interessate. Il sistema approvato per l'Fda è indicato per i pazienti con vene varicose superficiali alle gambe che possono causare sintomi. Si tratta di un kit composto da una sostanza adesiva speciale, e un sistema di rilascio dei componenti che include un catetere, una pistola dispensatrice, un dispensatore e delle siringhe.

 

E' diverso dalle altre procedure che usano farmaci, laser, onde radio o incisioni sulla pelle per chiudere o rimuovere le vene. In questo caso l'operatore sanitario inserisce il catetere attraverso la pelle nella vena malata, per iniettare la sostanza adesiva, un liquido chiaro che si polimerizza diventando un materiale solido. Dopo di che monitora il posizionamento del catetere con immagini a ultrasuoni durante il rilascio dell'adesivo per sigillare la vena malata. ''Questo nuovo sistema è il primo a trattare in modo permanente le vene varicose sigillandole con un adesivo - spiega William Maisel dell'Fda - Poichè non necessita di incisioni o applicazioni di calore, questa procedura ambulatoriale consente al paziente di tornare velocemente alle sue normali attività e con meno ematomi''.

 

fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato