Fattori di rischio del melanoma: esposizione al sole e scottature

Dermatologia | Medical Information Dottnet | 05/03/2015 10:54

Fin dagli anni ‘80, l’esposizione al sole è stata identificata come il più importante fattore di rischio ambientale del melanoma. (1)

Diverse evidenze scientifiche, infatti, riportano un’associazione positiva diretta tra il tipo di esposizione al sole, l’età e il rischio di sviluppare melanoma. (8) Il rischio di melanoma risulta superiore se l’esposizione è prolungata e intermittente, inoltre l’esposizione in età infantile/adolescenziale è risultata più rischiosa rispetto all’esposizione in età avanzata. (8)

Nel 1991 i componenti della prima Consensus conference sui danni da radiazioni solari, in seguito alla raccolta delle diverse evidenze scientifiche, hanno concordato che l’esposizione alla luce solare è il solo fattore esogeno causale per il melanoma nelle popolazioni di razza bianca. (1,2)

L’anno successivo, un altro gruppo di ricercatori, riunitosi presso l’International Agency for Research on Cancer (IARC) di Lione (3), dopo aver rivisto con grande dettaglio i lavori scientifici pubblicati sull’associazione tra melanoma ed esposizione al sole, ha concluso che l’esposizione solare è la principale causa del melanoma nell’uomo. Inoltre, la luce UV è un importante fattore induttore nella genesi del melanoma in età infantile, ciò è stato convalidato anche in un modello murino. (1,4)

Sono stati pubblicati 2 studi di metanalisi (1,5,6), ed uno studio di pool analisi (1,7) sull’argomento.

In particolare lo studio di Gandini et al. (1,5) ha analizzato i risultati di 57 lavori internazionali pubblicati nel periodo 1969-2002. Gli autori hanno calcolato un rischio relativo pool (RR) per il melanoma nei soggetti esposti a radiazioni UV in maniera intermittente (i.e., solo come attività sportive all’aria aperta, sport acquatici e vacanze in posti soleggiati), continua (i.e., solo esposizione occupazionale) e totale (i.e., sia intermittente sia continua). Questo rischio, in confronto ai non esposti, era significativamente più elevato nei soggetti con un’esposizione intermittente (RR=1,61) rispetto ai soggetti con un’esposizione continua (RR=0,98). I soggetti con una storia di scottature avevano un rischio di circa 2 volte più elevato (RR=2,03) rispetto a quelli con una storia negativa. Inoltre, il rischio era più elevato quando gli episodi di scottature erano avvenuti nell’infanzia rispetto all’età adulta. (1,5)

Lo studio di Dennis et al. (1,6) ha analizzato 51 lavori internazionali,  pubblicati nel periodo 1985-2002, valutando il rischio di melanoma rispetto alla storia di scottature ed all’esposizione solare durante tutta la vita dei soggetti. Gli autori hanno riscontrato che il rischio di melanoma per le scottature in specifici periodi della vita era leggermente più elevato se queste erano avvenute nell’infanzia (OR= 1,9) e nell’adolescenza (OR=1,6) rispetto all’età adulta (OR=1,4).

Il rischio calcolato su tutto il periodo della vita era 1,6, rischio che è coerente con quelli osservati nei singoli periodi della vita. Gli autori hanno calcolato che per incrementi di 5 scottature avvenute nei vari periodi della vita, i rischi erano 1,4 nell’infanzia, 1,4 nell’adolescenza e 1,5 nell’età adulta, confermando che sia la scottatura in sé sia il numero di scottature avvenute nel corso della vita rappresentano un importante fattore di rischio per il melanoma.

Lo studio di Chang et al. (1,7) ha analizzato l’associazione tra rischio di melanoma ed esposizione solare a diverse latitudini, durante il tempo libero e durante il lavoro. La pool analisi è stata fatta considerando 15 studi caso-controllo pubblicati nel periodo 1994-2006. Gli autori hanno evidenziato che l’esposizione durante il tempo libero, stratificata per latitudine di residenza dei soggetti, era un fattore di rischio di melanoma per il tronco (OR=1,7) e per gli arti (OR=1,4), ma non per il capo-collo (OR=1,1). L’esposizione solare durante il lavoro era associata con il rischio di melanoma per il capo-collo nelle aree a bassa latitudine (OR=1,7). Il rischio associato alle scottature nell’infanzia era 1,5, 1,5 e 1,4, rispettivamente per il melanoma del tronco, degli arti e del capo-collo, mostrando solo piccole differenze per le diverse latitudini. Lo studio ha evidenziato che il rischio di melanoma in differenti parti del corpo è associato con differenti modelli di esposizione. L’esposizione solare durante il tempo libero è un forte indicatore di rischio di melanoma a tutte le latitudini, mentre l’esposizione durante il lavoro e l’esposizione totale appaiono indicatori di rischio di melanoma, soprattutto a basse latitudini.

In conclusione, i risultati della letteratura mostrano che vi è un’associazione positiva tra esposizione ai raggi solari e rischio di melanoma, e che il rischio sia elevato a tutte le età. Inoltre, questo aumenta con il numero di scottature avvenute nel corso della vita.

Bibliografia

1. Basi scientifiche per la definizione di linee-guida in ambito clinico per il Melanoma cutaneo

2. National Institutes of Health summary of the Consensus Development Conference on Sunlight, Ultraviolet Radiation, and the Skin. Bethesda,Maryland, May 8-10, 1989. Consensus Development Panel.J Am Acad Dermatol 1991 Apr; 24(4):608-12

3. International Agency for Research on Cancer (IARC). Solar and ultraviolet radiation. Monographs on the evaluation carcinogenic risk to humans. International Agency for Research on Cancer, Lyon 1992: vol. 55

4. Noonan FP, Recio JA, Takayama H et al: Neonatal sunburn and melanoma in mice. Nature 2001; 413:271-2

5. Gandini S, Sera F, Cattaruzza MS, Pasquini P, Abeni D, Boyle P, Melchi CF. Meta-analysis of risk factors for cutaneous melanoma: I. Common and atypical naevi. Eur J Cancer 2005 Jan; 41(1):28-44

6. Dennis LK, Vanbeek MJ, Beane Freeman LE, Smith BJ, Dawson DV,  Coughlin JA. Sunburns and risk of cutaneous melanoma: does age  matter? A comprehensive meta-analysis. Ann Epidemiol 2008 Aug; 18(8):614-27

7. Chang YM, Barrett JH, Bishop DT, Armstrong BK, Bataille V, Bergman W, Berwick M, Bracci PM, Elwood JM, Ernstoff MS, Gallagher RP, Green AC, Gruis NA, Holly EA, Ingvar C, Kanetsky PA, Karagas MR, Lee TK, Le Marchand L, Mackie RM, Olsson H, Østerlind A, Rebbeck TR, Sasieni P, Siskind V, Swerdlow AJ, Titus Ernstoff L, Zens MS, Newton-Bishop JA. Sun exposure and melanoma risk at different latitudes: a pooled analysis of 5700 cases and 7216 controls. Int J Epidemiol 2009 Jun; 38(3):814-30

8. Linee guida AIOM. Melanoma. 2014

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato