Nasce la prima scuola di ricerca in medicina generale

Redazione DottNet | 09/03/2015 14:43

Oltre 400 medici di medicina generale formati nei prossimi due anni per mettere a punto nuovi modelli clinici e partecipare a studi su efficacia e sicurezza dei farmaci basati sull'esperienza reale dei pazienti.

Questo l'obiettivo della prima scuola di ricerca in medicina generale in Italia, un progetto promosso dalla Federazione italiana di medici di medicina generale (Fimmg) con un'erogazione liberale di 1,5 milioni di euro da parte di Merck & Co. tramite Msd Italia. "L'obiettivo è che all'interno di ogni aggregazione funzionale di territorio, che coinvolgerà tutti i medici di medicina generale, sia presente un medico appositamente formato in ricerca, in grado sia di assemblare i grandi numeri che contraddistinguono la medicina generale sia di progettare una ricerca, di elaborare e interpretare i risultati ottenuti", spiega Giacomo Milillo, segretario generale della Fimmg.

 

 

Nel 2014 sono state realizzate in Italia circa il 17% di tutte le sperimentazioni cliniche condotte nell'Ue. "Il nuovo assetto nazionale introdotto dalla Legge 89/2012, con l'individuazione dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) come unica Autorità competente, l'avvio del processo di riorganizzazione e razionalizzazione della rete dei Comitati etici e la gestione telematica della documentazione, rappresenta il punto di partenza per un rilancio internazionale - evidenzia Sergio Pecorelli, Presidente dell'Agenzia - l'Aifa non può che accogliere con interesse il progetto di creare un network di ricercatori in medicina generale". Nei giorni scorsi è partito il primo corso di formazione a distanza (Fad), propedeutico a un corso residenziale di tre giorni al termine del quale i partecipanti saranno progressivamente inseriti nel gruppo ricercatori della Fimmg.

 

 

Fonte: fimmg

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato