Riscopriamo il peeling all’acido glicolico al 70% - Settima sezione

Paola Conforto | 17/03/2015 12:13

Smagliature nell’obesità in trattamento con acido glicolico al 70%.

Uomo, 18 anni, 100kg di peso corporeo con BMI di 33,8. È uno studente del Liceo, al 4° anno, ma nel tempo libero lavora nel bar dello zio. Raramente, ormai, incontro giovani che studiano e lavorano. L’estate si avvicina e lui vorrebbe migliorare il suo aspetto.

Iniziamo così un percorso dietologico personalizzato e gli spiego che il tipo di disposizione della sua massa grassa, che è di tipo ginoide, gli impedisce di eseguire una serie di esercizi fisici che rimanderemo non appena avrà perso abbastanza massa grassa nella zona addominale.

Per il momento gli do il consiglio di non andare in palestra, ma di effettuare lunghe passeggiate a passo svelto, per almeno 40 minuti per tre volte alla settimana. Gli preannuncio che lo svuotamento cutaneo, dovuto alla perdita di massa grassa, potrebbe diventare un inestetismo peggiore dell’obesità e che potrebbero presentarsi delle smagliature più grandi, visto che all’esame clinico noto la presenza di piccole smagliature di colore roseo sull’addome, sulle cosce e sulle braccia.

È già da qualche anno, però mi dice il giovane, che prova a fare delle diete, ma ha sempre ripreso il peso perso o peggio ancora ne ha ripreso più di prima. Gli spiego che sarà importante, raggiunto il peso desiderato, proporzionato alle corrette masse magra e grassa, eseguire un lungo periodo di mantenimento del percorso effettuato, per imparare a cambiare le abitudini alimentari e di attività fisica definitivamente.

Nonostante gli impegni numerosi, spesso ci sono troppe ore di sedentarietà rispetto a quelle dedicate al movimento, che compromettono il giusto equilibrio per il dispendio delle calorie introdotte.

Dopo tre mesi di dieta, in cui il giovane realizza un ottimo percorso di dimagramento e di attività fisica, purtroppo le smagliature sono più evidenti e di colorito più rosso. Così gli propongo di intervenire immediatamente con il peeling all’acido glicolico al 70%, che in questa fase permetterà di eliminare le smagliature appena formate.

Dovrà anche abbinare l’uso di creme a base di olio di oliva, centella, pantenolo e glicerina. In questa fase sarà importante, visto che la circonferenza addominale è quasi nella norma, che lui effettui degli esercizi specifici per rinforzare la muscolatura addominale, così anche per gambe e braccia, per cui gli consiglio di iscriversi in palestra, se preferisce, senza esagerare però con il carico.

Intanto procediamo con il peeling con frequenza settimanale. In questo caso, il tempo di applicazione dell'acido glicolico sarà prolungato il più possibile, secondo la tolleranza del paziente; dovrà anche evitare di andare in palestra dopo il peeling e di indossare indumenti che possano creare abrasioni sulle zone trattate per le successive due ore.

Dopo sei mesi di trattamenti le smagliature regrediscono.

La muscolatura, che si delinea definita ormai per l’attività costante a cui il giovane si dedica, ha sostituito i cedimenti che avevano generato i precedenti dimagramenti. La giovane età del paziente, gli ha comunque permesso di ottenere il massimo beneficio dall’azione combinata di dieta, attività fisica e peeling.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato