Troise (Anaao) scrive a Renzi: i medici sono un capitale da preservare

Sindacato | Redazione DottNet | 13/03/2015 19:19

"Se il cuore della buona scuola sono gli insegnanti, il cuore della sanità migliore sono i medici ed il lavoro dei professionisti. Quelli che nei convegni sono le risorse umane, nei fatti, però, diventano solo costi da tagliare prima e di più degli altri, fattori produttivi, macchine banali prive di ruolo sociale, da tenere sotto controllo in quanto costose e generatrici di costi".

E' quanto afferma in una lettera aperta rivolta al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, Costantino Troise, Segretario Nazionale dell'Associazione dei medici dirigenti (Anaao Assomed). "Dopo le 'cure' dei governi che L'hanno preceduto - si legge - il capitale umano nel Sistema Sanitario, oggi vale quanto le azioni della Lehman Brothers dopo il 15 settembre 2008. Andando sempre più depauperandosi, da un punto di vista quantitativo e qualitativo, fino ad essere appena sufficiente a mantenere le attività di base e le (continue) emergenze.

 

 

Alla sfiducia degli operatori si aggiunge la scarsa considerazione di chi avrebbe il compito di valorizzare le risorse umane risultando la demagogia spiccia e gli economisti dei tagli lineari totalmente insensibili a questo obiettivo". E conclude: "Signor Presidente, attendiamo fiduciosi l'hashtag dare speranza alle speranze di giovani e donne e uomini che reclamano semplicemente il diritto a curare con la dignità, l'autonomia e la responsabilità che derivano da un percorso formativo di lunghezza e complessità senza pari e dal ruolo che assegna loro la Costituzione italiana".

 

 

Fonte: anaao

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato