Confronto Mmg-specialisti Ue. In Italia medici di famiglia penalizzati

Redazione DottNet | 18/03/2015 20:41

L'Oms ha esaminato le cure primarie di 31 Paesi europei. L'Italia è nel gruppo dei Paesi con il sistema più esteso, in compagnia di Olanda, Spagna, Regno Unito, Portogallo, Danimarca, Norvegia, Slovenia, Romania ed Estonia. Ma in Italia gli mmg guadagnano meno rispetto agli specialisti e hanno anche un'età media molto elevata. E gli stessi Paesi sono anche quelli che investono di più per assicurare ai cittadini un sistema di cure efficienti, con il Regno Unito che svetta al primo posto e Bulgaria e Cipro fanalini di coda.

Il rapporto (clicca qui per scaricare il documento completo) prende in esame numerosi fattori inclusa la governance, il finanziamento, la forza lavoro e l'ampiezza delle prestazioni di servizi. E' importante sottolineare che nel report non è stata trovata nessuna relazione significativa tra il reddito nazionale (Pil) e le condizioni economiche globali dei sistemi di cure primarie. Ciò suggerisce che le politiche e i meccanismi finanziari applicati sono più influenti rispetto alle risorse finanziarie disponibili. I paesi con una forte struttura di assistenza primaria (tra cui la governance, economica condizioni e sviluppo della forza lavoro) sono: Danimarca, Finlandia, Italia,Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Slovenia, Spagna e Regno Unito. Relativamente deboli le cure primarie lungo le tre dimensioni sono quelle della Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Grecia, Islanda, Lussemburgo, Polonia e Slovacchia. Nessun modello coerente di strutture di assistenza primaria - secondo i criteri usati dal report - può essere identificato in Estonia, Norvegia e Svizzera.


 

Redditi al check. Per quanto riguarda il reddito dei sanitari, un'importante osservazione è il notevole divario che esiste nella maggior parte dei Paesi tra la situazione finanziaria dei medici delle cure primarie rispetto ai colleghi specialisti ospedalieri. Gli unici paesi in cui i medici hanno un reddito quasi paragonabile agli specialisti sono Cipro, Repubblica ceca, Ungheria, Irlanda, Portogallo, Spagna e Regno Unito. In tutti gli altri Paesi, il reddito dei medici delle cure primarie è, di solito molto inferiore al reddito della maggior parte dei medici specialisti. In ogni caso in tutti i 31 paesi esaminati i medici guadagnano considerevolmente più degli infermieri e degli altri professionisti sanitari.


 

La forza lavoro impiegata. Il terzo aspetto esaminato oltre alla governance e le condizioni economiche è rappresentato dal profilo dei professionisti che forniscono servizi di cure primarie e la loro posizione nel sistema sanitario. Elementi importanti sono, per esempio, il tipo di operatori sanitari coinvolti nelle cure primarie; il loro sesso ed età; e il loro riconoscimento professionale tra gli altri (medici) le professioni.


 

Perché vi sia in futuro una continuità dei servizi, è essenziale che la professione rimanga attrattiva sia per i medici che per le altre professioni dal punto di vista della formazione e del sistema di difesa degli interessi dei lavoratori. Questi aspetti sono esaminati paese per paese. In media ci sono 68 medici ogni 100mila abitanti in Europa, anche se la variazione tra i Paesi è molto significativa. Un esempio che rende perfettamente l'idea di questo aspetto è quello tra i vicini Belgio e Olanda. Nei Paesi Bassi, sono presenti 47 medici per 100mila abitanti, mentre i vicini di casa del Belgio arrivano a ben 115. Anche i dentisti appartengono alle cure primarie, nella maggior parte dei Paesi (ben 27) mentre gli infermieri entrano a pieno regime tra le cure primarie in ben 23 Paesi dove hanno percorsi di studio specificamente strutturati. Tuttavia, gli infermieri possono avere ruoli molto diversi in cure primarie, che varia da specifica compiti di cura, per esempio con i pazienti cronici, a compiti di supporto più generali.


 

Pure le ostetriche rientrano nelle cure primarie in 22 Paesi. In due terzi dei Paesi, anche gli specialisti come ginecologi, pediatri e oculisti sono considerati professionisti dell'assistenza primaria. Sempre nell'ambito delle specialità, in circa la metà dei Paesi esaminati otorinolaringoiatri, cardiologi, neurologi e chirurghi sono attivi come fornitori di cure primarie.


 

Invecchiamento. L'età media dei Mmg rappresenta un problema in molti paesi. Con l'eccezione della Turchia, dove l'età media è di 39 anni, i medici degli altri Paesi hanno tra i 45 e i 55 anni. Anche in questo caso, la distribuzione per età varia fortemente da un paese all'altro. In paesi come Cipro, Repubblica Ceca, Italia, Norvegia, Spagna e in Svezia circa la metà della forza lavoro medicina generale è di oltre 55 anni. I paesi sembrano reagire in modo diverso agli effetti imminenti dell'invecchiamento dei loro medici. In alcuni Paesi il numero di medici è fortemente aumentato negli ultimi anni: è il caso della Grecia, Lituania, Polonia e Slovenia, mentre in altri, i numeri sono in calo costante, come accade in Germania e Slovacchia. Gli orari di apertura degli studi medici di medicina generale in tutta Europa, escluse le eventuali ore su chiamata, variano da 35 ore alla settimana in Ungheria a 100 ore alla settimana nell'Austria rurale. La media è di 44 ore a settimana. In alcuni paesi, gli orari di apertura sono soggetti alla regolamentazione obbligatoria, che si applica anche ai medici che sono lavoratori autonomi.


Il report completo


 

Fonte: Oms, sole24ore

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato