Il bon ton del profumo, scie intense "veleno" per asmatici

Pneumologia | Redazione DottNet | 11/12/2008 11:17

Profumati sì, ma non troppo. Fare 'il bagno' nell'essenza preferita non solo può infastidire il vicino di scrivania o di vita, può anche minacciarne la salute "scatenando attacchi in chi soffre d'asma". Gli esperti fanno appello alle tacite regole del bon ton e della convivenza civile, e invitano i vanitosi ad attingere con moderazione da spray e flaconcini. "Tra gli italiani è diffusa l'abitudine di abbondare col profumo - rilevano il cosmetologo Leonardo Celleno e l'allergologo Domenico Schiavino dell'università Cattolica di Roma intervenuti a Milano a un incontro promosso da Unipro (Associazione italiana delle imprese cosmetiche) - Ma invadere di fragranze miste una stanza chiusa, o peggio ancora un ascensore o un mezzo pubblico, è rischioso".

Se respirare un pò del profumo altrui è infatti cosa gradita, "la scia intensa va evitata", dice Celleno. Per i bronchi e i polmoni ipersensibili di chi soffre d'asma, assicura infatti Schiavino, "il profumo non è diverso dal fumo di sigaretta o dallo smog. L'effetto è lo stesso", e poco importa se l'effluvio è fiorito, fruttato, cipriato oppure speziato: quando la dose è eccessiva e l'aria è satura, "il profumo provoca un'irritazione aspecifica sui recettori bronchiali del paziente asmatico", spiega l'allergologo. Il broncospasmo causa così "l'attacco di tosse e tutte le difficoltà respiratorie tipiche di una crisi". Celleno e Schiavino approfittano dunque per lanciare un invito: "Moderate le dosi di profumo - consigliano - E' questione di rispetto e di educazione". In linea tra l'altro con il concetto di eleganza discreta che 'fa tendenza'.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato