Tumori: team Gb svela "chiave" per fermare diffusione in organismo

Redazione DottNet | 11/12/2008 15:27

tumori

Un nuovo passo avanti nella lotta contro il cancro. A compierlo i ricercatori del London Research Institute, in uno studio che ha guadagnato le pagine della rivista 'Molecular Cell'. Gli scienziati britannici hanno infatti individuato una proteina, denominata Tes, in grado di bloccare un'altra proteina, nota con il nome di Mena, che 'aiuta' le cellule cancerogene ad emigrare in altre parti dell'organismo. Una proteina indagata, in altre parole, nello sviluppo dei tumori secondari o metastatici.

Utilizzando una serie di tecniche, compresa la cristallografia a raggi X che consente di determinare la struttura tridimensionale di una molecola, l'équipe guidata da Michael Day ha visto che Tes, in realtà assente in molti tumori, 'cattura' Mena in modo che questa finisca per non unirsi ad altre proteine. Non potendo interagire con altre molecole, Mena perde la sua capacità di far migrare le cellule cancerose nell'organismo dando vita alle metastasi.
Gli studiosi sperano ora di individuare una nuova classe di farmaci in grado di riprodurre gli stessi meccanismi che fanno di Tes una proteina alleata nella guerra contro il cancro. "La struttura di questa proteina - spiega Day - ci dà degli importanti indizi per la progettazione di molecole capaci di imitare il modo in cui Tes interagisce con Mena, ostacolando la migrazione di cellule cancerogene nell'organismo. Si tratta tuttavia - conclude lo stesso studioso - di una strada ancora lontana".