Ritardi per le autocertificazioni Ecm. Medici cancellati dall'elenco

Professione | Redazione DottNet | 15/04/2015 16:07

Pesanti ritardi da parte del ministero della Salute nel ricevere e validare le autocertificazioni relative ai corsi di aggiornamento professionale. Il problema riguarda tutto il territorio nazionale, come fa notare Omceo Milano, con conseguenti disagi per i medici.

La protesta parte da Milano dove i telefoni dell'Ordine dei Medici del capoluogo lombardo nelle prime due settimane di aprile "si sono surriscaldati per le numerose telefonate di medici associati che lamentano i ritardi degli Uffici del Ministero della Salute nel ricevere e validare le autocertificazioni, relative ai corsi di aggiornamento obbligatori, previste dalla legge per la conferma dell'iscrizione nell'apposito Elenco professionale". A sottolinearlo è lo stesso Ordine professionale in una nota. "In alcuni casi - aggiungono i medici - si è arrivati alla cancellazione dall'Elenco, nonostante il regolare conseguimento dei Crediti Ecm e la sollecita trasmissione dell'informazione agli Uffici competenti del Ministero della Salute".

 

Un problema non di poco conto, spiega il presidente dell'Ordine Roberto Carlo Rossi, "perché i ritardi nell'inserimento e, soprattutto, la cancellazione dall'elenco impediscono ai medici di svolgere la loro regolare attività, con il rischio di essere trattati anche penalmente come millantatori. Per questo - conclude Rossi - ci rivolgiamo alla Federazione nazionale dell'ordine dei medici perché, trattandosi di un problema a carattere nazionale, si attivi al più presto per correggere i problemi derivanti dai ritardi del Ministero, fermo restando che le effettive inadempienze dei Medici vanno sanzionate".

 

 

Fonte: omceo Milano

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato