Ministero, pillola dei 5 giorni dopo anche nelle parafarmacie e Gdo

Farmaci | Redazione DottNet | 24/05/2015 17:48

La 'pillola dei 5 giorni dopo' può essere dispensata senza ricetta alle donne maggiorenni non solo nelle farmacie, ma anche nelle parafarmacie e nei corner della grande distribuzione.

Le donne dovranno pero' esibire un documento di identità che attesti la maggiore età. Esclusa invece la possibilita' di vendita online. Lo precisa una circolare del ministero della Salute, inviata agli assessori alla Sanità delle regioni, ai farmacisti di Federfarma, al loro ordine Fofi e ad Assofarm, Farmacieunite, Federazione delle Parafarmacie e Associazione scientifica dei farmacisti italiani.

 

Erano state le stesse parafarmacie a chiedere il chiarimento dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della determina Aifa con la doppia classificazione del medicinale. Il farmaco infatti e' senza obbligo di prescrizione per le maggiorenni, ma non da banco per le minorenni. Per le minorenni la pillola è un farmaco soggetto a prescrizione medica da rinnovare volta per volta. L'esclusione della possibilita' di vendita online e' stata decisa, precisa la circolare, "per motivi di precauzione connessi alla tutela del diritto alla salute, essendo altamente complesso, per non dire quasi impossibile, nel caso di vendita online accertare la maggiore età della donna utilizzatrice del medicinale".

 

La precisazione si è resa necessaria perché dal prossimo luglio entreranno in vigore le norme che autorizzano anche in Italia l’e-commerce sui farmaci senza ricetta.



Nella lettera trasmessa a Federfarma e alle altre rappresentanze della filiera, il Ministero fornisce anche alcune indicazioni di dettaglio sul comportamento da tenere al banco nel caso in cui chi acquista non è colei che poi assumerà la pillola. La persona delegata, spiega in sintesi il Ministero, dovrà essere sempre e comunque maggiorenne: se l’acquisto è fatto per conto di un’altra persona di maggior età, il farmacista è tenuto a farsi mostrare una delega e una copia del documento di identità di chi userà il farmaco. Se invece l’utilizzatore è una minorenne, chi materialmente acquista deve esibire la ricetta medica.

 

 

Fonte: federfarma, ministero della salute

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato