Falcone: mix di farmaci contro il tumore al colon-retto

Oncologia | Redazione DottNet | 03/06/2015 16:32

È il mix tra vari farmaci innovativi la nuova strategia che si sta dimostrando sempre più efficace contro il tumore al colon-retto.

Un passo avanti notevole contro una delle forme di tumore più diffuse al mondo, con oltre 1,2 milioni di nuovi casi diagnosticati ogni anno e con quasi 52 mila nuove diagnosi stimate solo in Italia nel 2014. I risultati arrivano da nuovi studi presentati al 51/mo congresso della Società americana di oncologia clinica (Asco).

Lo studio italiano Tribe ha dunque dimostrato come la combinazione di farmaci innovativi aumenti la sopravvivenza: con il mix tra le due molecole Bevacizumab-Folfoxiri si è infatti registrata una sopravvivenza a cinque anni del 24,9% dei pazienti, un tasso raddoppiato rispetto a quello ottenuto con altre terapie. Si tratta di "dati ha sottolineato il direttore del polo oncologico Azienda ospedaliera universitaria pisana, Alfredo Falcone, anche coordinatore dello studio - molto rilevanti anche dal punto di vista delle implicazioni per la pratica clinica. Questa combinazione di molecole rappresenta, infatti, una nuova opzione di trattamento che deve essere sempre considerata quando si deve curare un paziente in buone condizioni generali e che possa ben tollerare questa terapia più intensiva". Sul fronte della ricerca, ha aggiunto Falcone, "l'Italia ha avuto un ruolo di primo piano e lo studio Tribe è unicamente italiano, frutto della collaborazione di 34 centri su tutto il territorio nazionale".

Inoltre, nuovi ulteriori dati, ha rilevato il direttore della clinica di oncologia medica degli Ospedali Riuniti di Ancona, Stefano Cascinu, "mostrano come questi farmaci biologici abbiano portato un miglioramento nella sopravvivenza dei pazienti che convivono con un tumore al colon-retto raggiungendo una media che ha superato i 31 mesi nei soggetti metastatici. Si tratta - ha detto - di un risultato che fino a pochi anni fa non era ipotizzabile. In tutto ciò - ha concluso l'esperto - la molecola Bevacizumab gioca un ruolo fondamentale nel trattamento di tutte le tipologie di pazienti".

Fonte: Asco, Tribe

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato