Al via l'Osservatorio anticorruzione di Federsanità

Redazione DottNet | 05/06/2015 05:09

Per i prossimi 18 mesi, l'impegno anticorruzione di 180 aziende sanitarie locali (ASL) ed aziende ospedaliere (A0) italiane sarà sotto studio dell'Osservatorio 190, un'iniziativa promossa da Federsanità ANCI e dall'Istituto per la Promozione dell'Etica in Sanità ISPE-Sanità con la partecipazione di Roche Italia.

L'Osservatorio coinvolge Aziende e Comuni capoluogo distribuiti su tutto il territorio nazionale, tra queste i capofila sono: ASP Catanzaro, ASL Roma D, ASL Milano 2, ASUR Marche, ASL Torino 3, ASL Bari, AO Messina, AOU Pisana, ASL Arezzo, AOU Padova e Comune de L'Aquila.

L'Osservatorio prende il nome dalla Legge 190/2012 (Legge Severino) che impegna gli enti pubblici ad attuare specifiche strategie anticorruzione. Stando infatti a quanto rilevato dallo European Healthcare Fraud and Corruption Network (EHFCN) il fenomeno della corruzione in sanità porterebbe in Italia a circa 6 miliardi annui di sprechi. Un dato concorde con l'analisi elaborata da ISPE Sanità e contenuta nel Libro Bianco sulla Corruption in Sanità (scaricabile online sul www.ispe-sanita.it).

Lo studio, della durata complessiva di 18 mesi, produrrà un Libro Rosso con l'analisi delle esperienze e le indicazioni metodologiche, rivolte sia alla Direzione strategica aziendale che ai Responsabili Prevenzione Corruzione del Paese.

"Federsanità ANCI - sottolinea il Presidente Angelo Lino Del Favero - è da sempre impegnata nel processo di modernizzazione e di efficientamento del Servizio Sanitario Nazionale attraverso interventi tesi a migliorare dall'interno le strutture sanitarie per garantire costantemente la qualità delle prestazioni ai cittadini" "La lotta alla corruzione - evidenzia Francesco Macchia, presidente di ISPE Sanità - va combattuta mettendo a sistema le realtà e le organizzazioni che sono singolarmente impegnate nella moralizzazione del sistema Paese''.

"Contrastare la corruzione - sottolinea Maurizio de Cicco, Amministratore Delegato di Roche SpA - non solo costituisce una priorità etica per Roche, ma rappresenta anche una via per ottimizzare l'utilizzo delle risorse in Sanità, riducendo gli sprechi, a vantaggio dei pazienti.

 

 

fonte: federsanità