Anticolinergici e antidiuretici riducono la nicturia nel LUTS

Urologia | Medical Information Dottnet | 25/06/2015 16:55

L’aggiunta di un farmaco anticolinergico o antidiuretico alla terapia con un alfa-bloccante migliora la nicturia e il LUTS.

Lo studio clinico prospettico, randomizzato e open-label, è stato condotto per valutare l'efficacia di un farmaco anticolinergico o antidiuretico come terapia aggiuntiva per la nicturia in pazienti trattati in precedenza con un alfa-bloccante per i sintomi a carico delle basse vie urinarie (LUTS).

Sono stati coinvolti nello studio 405 pazienti a partire dai 50 anni di età con una diagnosi di LUTS a causa di ostruzione del flusso vescicale (BOO), con una velocità massima di flusso urinario (Qmax)≤15 ml/sec, la nicturia (≥1 minzioni/notte), e un International Prostate Symptom Score (IPSS) totale ≥14.

I pazienti sono stati suddivisi in modo casuale in due gruppi A e B. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a 4 settimane di washout. Il gruppo A ha assunto un alfa-bloccante per 4 settimane, poi un alfa-bloccante più un agente anticolinergico per 4 settimane e infine un alfa-bloccante più un agente antidiuretico per 4 settimane. Il gruppo B ha assunto un alfa-bloccante per 4 settimane, in seguito un alfa-bloccante più un agente antidiuretico per 4 settimane e in seguito è stato sottoposto a 4 settimane di trattamento con un alfa-bloccante più un agente anticolinergico. I pazienti di entrambi i gruppi sono stati suddivisi in tre sottogruppi, un sottogruppo con poliuria notturna (NP, volume di urina escreta durante il sonno ≥ 33% della produzione in 24 ore), un sottogruppo con ridotta capacità vescicale notturna (NBC, l’indice NBC corrisponde al numero effettivo di minzioni sottratte dal numero previsto di minzioni) e un sottogruppo in cui la nocturia è risultata determinata da entrambi i fattori. Sono stati valutati un diario minzionale di 3 giorni, l’International Prostate Symptom Score (IPSS, questionario per la valutazione oggettiva della sintomatologia urinaria) totale e l’IPSS sub-score, l’Overactive Bladder Symptom Score (questionario per esprimere i sintomi dell’iperattività vescicale), l’uroflussometria e il volume urinario residuo post-minzionale, in corrispondenza della baseline (inizio dello studio) e alle settimane 4, 8 e 12.

Durante il trattamento, l’IPSS totale e l’IPSS sub-score sono risultati significativamente diminuiti rispetto alla baseline alla quarta settimana fino a 12 settimane (P<0.05). Nel sottogruppo NP dei gruppi A e B, il numero di episodi di nicturia in 3 giorni, il volume delle urine notturne e l'indice notturno sono risultati significativamente diminuiti con la somministrazione di un alfa-bloccante più un agente antidiuretico (P<0.05). Nel sottogruppo NBC dei gruppi A e B, l’IPSS  sub-score, Overactive Bladder Symptom Score, il numero di episodi di nicturia in 3 giorni, il numero di episodi di urgenza in 3 giorni e l'indice NBC sono risultati tutti significativamente diminuiti con il trattamento con un alfa-bloccante più un agente anticolinergico (P<0.05).

I risultati ottenuti hanno dimostrato che l’aggiunta di un farmaco anticolinergico o antidiuretico alla terapia con un alfa-bloccante migliora sia la nicturia che i sintomi delle basse vie urinarie in pazienti affetti da LUTS.

Riferimenti bibliografici:

Shin YS, Zhang LT, Zhao C, Kim YG, Park JK. Twelve-week, prospective, open-label, randomized trial on the effects of an anticholinergic agent or antidiureticagent as add-on therapy to an alpha-blocker for lower urinary tract symptoms. Clin Interv Aging. 2014 Jul 10;9:1021-30.

 

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato