Farmaci, lo Stato spende 271 euro a testa. In calo del 30 per cento

Redazione DottNet | 05/07/2015 18:16

Lo Stato spende per i farmaci 271 euro procapite all'anno, poco più di 70 centesimi al giorno, una cifra più bassa del 30% rispetto alla media europea. .

La spesa è diminuita del 2% dal 2006 al 2014, mentre il totale di quella sanitaria è aumentata dell'8%. Per un totale della spesa farmaceutica pubblica di circa 17 miliardi con prezzi dei medicinali inferiori del 15/20% a quelli dei principali Paesi europei. "L'Italia può vantare però anche un "record" negativo - afferma l'associazione -, quello di vincoli nazionali e regionali per l'accesso ai nuovi farmaci. Occorrono oltre due anni perché un medicinale innovativo sia disponibile per il paziente con i cittadini di una regione curati con l'ultimo ritrovato della ricerca farmaceutica mentre quelli della regione confinante no".
 

In questo campo il gap con la media europea è significativo.  Per l'uso effettivo di nuove terapie l'Italia ha infatti consumi procapite che vanno dal -66% per i prodotti autorizzati Ema nel 2012 al -91% per quelli nel 2014. Cifre molto basse nonostante l'Italia abbia una pipeline di 303 prodotti in sviluppo solo nel settore biotech e investimenti negli studi clinici per 800 milioni l'anno.