Gsk e Federfarma insieme per le cronicità

Redazione DottNet | 22/07/2015 13:24

Sono trenta le associazioni provinciali del sindacato che hanno aderito al progetto di pharmaceutical care “100 province”, lanciato da Gsk e Federfarma con l’obiettivo di fornire un’impalcatura tecnica e professionale alle farmacie che promuovono sul territorio programmi per la presa in carico delle cronicità.

Tale impalcatura, in sintesi, non comprende soltanto attività di formazione rivolte a titolari e collaboratori, ma anche l’accesso a strumenti informativi e tecnologici pensati espressamente per la pharmaceutical care.

La disponibilità di tali strumenti sarà assicurata da Dottorfarma, il nuovo portale internet che Promofarma (la società di servizi informatici del sindacato) sta ultimando. Dalla piattaforma, in sostanza, sarà possibile scaricare materiale informativo e questionari da rivolgere ai cittadini, accedere a strumenti di supporto per l’organizzazione di progetti di screening e, infine, usufruire di una cartella on line dove registrare i consumi farmaceutici dei pazienti coinvolti nell’iniziativa.

La parte formativa rivolta al farmacista, al via dall’autunno, prevede invece un webinar (seminario via web) con interventi e domande in diretta, più vari incontri residenziali sul territorio per completare l’aggiornamento e consentire un confronto tra le esperienze sul campo.

Lo sviluppo del progetto “100 province” seguirà un percorso a tappe. Si partirà dalle patologie dell’apparato respiratorio (Asma e Bpco), scelte proprio perché oggi il tasso di aderenza alle terapie è particolarmente basso. L’adesione al progetto può avvenire soltanto a livello di associazione provinciale. Nelle prossime settimane le Federfarma territoriali che hanno dato il proprio benestare verranno contattate per organizzare una presentazione del progetto, prima alla dirigenza sindacale e poi alle autorità sanitarie del territorio (con l’obiettivo di cercare il supporto e il patrocinio delle istituzioni locali).

 

fonte: federfarma