Opificio Golinelli: un nuovo incubatore di idee

Redazione DottNet | 28/07/2015 12:46

Il 3 ottobre 2015 inaugurerà a Bologna Opificio Golinelli, un innovativo spazio di 9.000 mq interamente dedicato alla conoscenza e alla cultura.

L’ambizioso progetto, costato 12 milioni di euro, è l’ultima espressione della mission della Fondazione Golinelli, che dal 1988 – anno della sua costituzione – si è impegnata per promuovere l'educazione e la formazione tra i giovani.

«Con l’apertura di Opificio – dichiara Marino Golinelli, fondatore e presidente della Fondazione Golinelli e di Alfa Wasserman – si realizza il mio sogno di investire nel futuro di tutti: un’iniziativa concreta per prepararsi a vivere in un mondo diverso, globale, complesso, imprevedibile».

 

Opificio Golinelli

La struttura, concepita per diventare il nuovo Centro per la conoscenza e la cultura della Fondazione Golinelli, sorge in via Paolo Nanni Costa e fino al 2008 ospitava la Società Fonderie Sabiem. I lavori di ripristino della vecchia fonderia hanno richiesto un investimento complessivo pari a 12 milioni di euro.

La cittadella del sapere diventerà il quartiere generale della Fondazione e sarà dedicata soprattutto allo svolgimento di attività formative, didattiche e culturali.

«Un luogo fisico dove i ragazzi si costruiscono un bagaglio di valori etici del lavoro, dello studio, della responsabilità sociale e civile, annullando i timori del futuro – commenta con malcelato entusiasmo Golinelli. – Una realizzazione visionaria, uno spazio di ricerca e sperimentazione per imparare ad affrontare in modo consapevole il perché della vita. Opificio sarà per la Fondazione Golinelli punto di partenza e non punto di arrivo».

 

La didattica

- Scienze in pratica offre agli adolescenti l’opportunità di fare concrete sperimentazioni in un laboratorio modernamente attrezzato accendendo la passione per scienza e tecnologia;

- Scuola delle idee è uno spazio ludico e interattivo per valorizzare la creatività di bambini dai 18 mesi;

- Educare a educare è il programma per formare gli insegnanti a una didattica in un costante dialogo fra le discipline scientifiche e umanistiche;

- Giardino delle imprese propone attività educative e formative per avvicinare i ragazzi dei licei, degli istituti tecnici e universitari all’imprenditorialità sperimentando percorsi concreti negli acceleratori e mettendosi in gioco per la determinazione delle proprie aspirazioni.

Opificio Golinelli, inoltre, è perno di riferimento anche per Scienza in Piazza, manifestazione culturale che porta laboratori, incontri, convegni e mostre nelle aree urbane trasformandole in science center temporanei; e Arte, Scienza e Conoscenza, che con le mostre di arte+scienza, gli incontri e i convegni stimola il pensiero complesso e il dibattito negli adulti e nei ragazzi.

Dal 2000 i progetti della Fondazione hanno coinvolto circa un milione di persone, ora i nuovi spazi consentiranno di accogliere oltre 150.000 visite l’anno; numeri e caratteristiche trasformeranno l’Opificio Golinelli in un centro di rilevanza nazionale e internazionale.

«L’Opificio vuole “accelerare” le nuove generazioni affinché sappiano guardare alla vita in maniera proattiva, assecondando le proprie libere aspirazioni – conclude Antonio Danieli, direttore generale della Fondazione Golinelli – in grado cioè di creare nuove professioni o nuove imprese che ancora oggi non esistono o non si conoscono».

Il progetto architettonico, affidato a diverserighestudio di Bologna, rappresenta un sapiente intervento di rigenerazione urbana del patrimonio industriale abbandonato.

Fonte: Interna

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato