L’impiego del paliperidone a rilascio prolungato nella schizofrenia

Medical Information Dottnet | 02/09/2015 15:59

Una recente metanalisi ha evidenziato che il paliperidone a rilascio prolungato è più efficace rispetto ad altri farmaci antipsicotici.

In un recente studio è stata valutata l'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità del paliperidone a rilascio prolungato (ER) rispetto ad altri farmaci antipsicotici di seconda generazione (SGA) in pazienti affetti da schizofrenia.

Nello specifico, i risultati di 50 studi clinici, randomizzati e controllati, relativi al trattamento con paliperidone ER e altri farmaci SGA somministrati in monoterapia per via orale nella terapia della schizofrenia in fase acuta, sono stati recuperati dai data base Medline, Embase, dalla Cochrane Library e da alcune banche dati cinesi. Sono stati analizzati i dati riferiti alla percentuale di risposta, alla possibilità di abbandono a causa di eventi avversi, alla probabilità di eventi avversi e di abbandono per qualsiasi motivo.

La percentuale di risposta al paliperidone ER è risultata significativamente superiore a quella degli altri SGA (rapporto di rischio [RR] 0.83, intervallo di confidenza del 95% [CI] 0.72-0.96) e dello ziprasidone (RR 0.57, 95% CI 0.39-0.82). Il paliperidone ER ha ridotto significativamente la possibilità di abbandono a causa di eventi avversi e la probabilità di eventi avversi rispetto agli altri farmaci SGA (RR 0.32, IC 95% 0.17-0.58 e RR 0.88, IC 95% 0.79-0.97) e risperidone (RR 0.31, 95% CI 0.14-0.67 e RR 0.70, IC 95% 0.57-0.86). L'incidenza di sintomi extrapiramidali del paliperidone ER è risultata paragonabile ad altri SGA (RR 0,94, 95% CI 0,66-1,35) e significativamente inferiore a quella del risperidone (RR 0,56, 0,41-0,77), ma superiore a quella dell’olanzapina (RR 1.88, 95% CI 1,05-3,36). Il paliperidone ER rispetto agli altri SGA (RR 0.32, IC 95% 0.21-0.49 e RR 0.50, IC 95% 0.35-0.72) e all’olanzapina (RR 0.23, IC 95% 0.15-0.33 e RR 0.33, IC 95% 0.23-0.47) è stato maggiormente associato ad aumento di peso e sonnolenza. Inoltre, gli eventi avversi correlati alla prolattina causati dal paliperidone ER erano comparabili a quelli determinati dagli altri SGA (RR 1.30, 95% CI 0.73-2.33), ma più numerosi di quelli causati dall’olanzapina (RR 7.53, IC 95% 2.05-27.71).

In conclusione, è stato evidenziato che il paliperidone ER è efficace, sicuro e ben tollerato, rispetto ad altri farmaci SGA, nel trattamento di pazienti affetti da schizofrenia come riportato nella suddetta metanalisi condotta a partire dai dati raccolti da diversi database internazionali.

Riferimenti bibliografici:

Cai S, Lu H, Bai Z, Wu R, Zhao J. Paliperidone extended-release tablets in Chinese patients with schizophrenia: meta-analysis of randomized controlled trials. Neuropsychiatr Dis Treat. 2015 Jul 23;11:1817-34