Contro l'ipertensione arriva un farmaco vintage

Cardiologia | Redazione DottNet | 02/09/2015 18:41

Il mix risulta più efficace di altri due farmaci

L'aggiunta di un farmaco utilizzato come diuretico e poco costoso, lo spironolattone, che nel Regno Unito secondo quanto riferisce il Daily Mail online 'impegna' il sistema sanitario, l'Nhs, per una cifra variabile da una sterlina e cinquanta a due sterline e cinquanta al mese, ed è in circolazione da 50 anni potrebbe rivoluzionare la cura dei pazienti con pressione alta persistente. Questa la conclusione a cui arriva uno studio presentato all'Esc 2015 , il congresso europeo di cardiologia, in corso a Londra, sovvenzionato dalla British Heart Foundation. Lo studio ha coinvolto 335 pazienti, che avevano pressione sanguigna incontrollata nonostante il trattamento con le dosi massime di tre farmaci antipertensivi.

I risultati hanno evidenziato che trattati con spironolattone il 60 per cento dei pazienti, tre su cinque, hanno avuto la pressione sanguigna sotto controllo per la prima volta e che lo spironolattone aveva tre volte piu' possibilità di essere efficace quando aggiunto alle tre pillole esistenti rispetto ad altri due farmaci con cui e' stato fatto un confronto. Il professor Bryan Williams, dello University College London, che ha presentato lo studio, spiega: "Lo spironolattone e' risultato un chiaro vincitore e dovrebbe essere la prima scelta per il trattamento aggiuntivo dell'ipertensione resistente ". Lo sprinolattone, utilizzato per la prima volta nel 1959 come diuretico per la trattare la ritenzione dei fluidi secondo quanto ricorda il Mail online,e' utilizzato nello scompenso cardiaco e in alcune patologie del fegato e dei reni.

 

fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato