Snami: assicurare i medici che vaccinano contro l'influenza

Redazione DottNet | 04/09/2015 14:22

Per lo Snami occorre la “vaccinazione antiinfluenzale sicura per Medici e Pazienti”. Le Asl dovrebbero stipulare una polizza assicurativa ad hoc a tutela dei medici di famiglia.

“Ci sono troppe criticità irrisolte che devono essere sanate e per tale motivo chiediamo che oltre le considerazioni e consigli del Ministro della Salute debbano trovare spazio delle integrazioni che lo Snami ha lanciato nella sua proposta “vaccinazione antiinfluenzale sicura per Medici e Pazienti’”.
 

È questo il commento dello Snami che già i mesi scorsi aveva preso posizione per “una vaccinazione in sicurezza” alle raccomandazioni del Ministero della Salute per la campagna vaccinale antiinfluenzale 2015-2016 che partirà da metà ottobre.
 
Come Snami non possiamo non condividere i contenuti della Circolare di prevenzione e controllo dell’influenza elaborata dalla Direzione Generale della Prevenzione sanitaria del Ministero della Salute – ha detto Angelo Testa, presidente nazionale del sindacato autonomo – siamo consapevoli l’epidemia influenzale costituisca un importante problema di Sanità Pubblica a causa dei numerosi casi che si verificano in ogni stagione con alti i costi a carico della comunità, sia in termini di spesa sanitaria (farmaceutica e ospedaliera) che di costi sociali, per le assenze dal lavoro per cure proprie e dei familiari. Inoltre il ricorso all’ospedalizzazione per il trattamento di forme influenzali, anche non complicate, soprattutto in persone anziane, comporta serie ripercussioni sulla ricettività dei reparti ospedalieri con possibili disfunzioni operative. La vaccinazione è un compito che per noi medici di famiglia è obbligatorio, in presenza di un piano, concordato, come previsto dall’Acn. Però – ha aggiunto –  secondo il nostro sindacato ci sono troppe criticità irrisolte che devono essere sanate e per tale motivo chiediamo che oltre le considerazioni e consigli del Ministro della salute debbano trovare spazio delle integrazioni che lo Snami ha lanciato nella sua proposta ‘vaccinazione antiinfluenzale sicura per Medici e Pazienti’”.

Sono le modalità operative della vaccinazione anti-influenzale praticata dai Mmg che devono essere migliorate. “Sarà nostra premura – continua Gianfranco Breccia, segretario nazionale dello Snami – che i rappresentanti sindacali Snami in seno ai comitati aziendali e regionali  si attivino innanzitutto per pretendere dalla parte pubblica una polizza assicurativa specifica che ci tuteli da rischi legali e professionali, inerenti all’attività di vaccinazione stessa. Inoltre proporremo dei cartelli esplicativi da esporre nelle sale d’aspetto degli ambulatori, in cui venga evidenziata la scheda tecnica del vaccino da inoculare. E’ chiaro poi che siano raccolte le firme del consenso informato in cui siano ben chiari gli effetti collaterali del farmaco con il consiglio di andare a vaccinare negli ambulatori pubblici quando non si è do-tati di frigorifero con doppio termostato, di frigo portatile per il trasporto dei vaccini e strumentazione per la rianimazione, nella ovvia considerazione  che le strutture Asl ne siano dotate”.
 
“L’ imperativo ‘vaccinare Si, in sicurezza non solo per i pazienti, ma anche per noi’ –  conclude Angelo Testa – credo debba anche essere l’intento del Ministero. Il tutto presuppone che vengano sanate incertezze e criticità”.

 

fonte: snami