L’importanza di una strategia unica nella gestione del trauma cranico

Neurologia | Redazione DottNet | 25/09/2015 09:39

Sono in corso due importanti studi allo scopo di raccogliere ed elaborare i dati relativi a più di 5000 pazienti con trauma cranico.

Il Dott.Angelos Kolias, neurochirurgo e ricercatore per NIHR dall'Università di Cambridge, ha preso parte al congresso mondiale dove ha messo in risalto la necessità di una prospettiva unica sulla problematica del trauma cranico in Europa in modo da poter individuare le migliori modalità di gestione.

Il neurochirurgo ha sottolineato l’importanza di due studi condotti su pazienti con trauma cranico e, in particolare, in merito agli studi ha affermato che “Il primo è un nuovo studio internazionale coordinato dall'Università di Cambridge (UK) che cerca di individuare la migliore tecnica chirurgica per evacuare un ematoma subdurale acuto. Lo studio si chiama RESCUE-ASDH ed è stato finanziato dal National Institute for Health Research (UK) e  il professor Servadei - presidente del WFNS - ne è un collaboratore. L'altro studio che vorrei mettere in luce è il CENTER-TBI finanziato dalla Commissione Europea. Lo scopo dello studio è di raccogliere e analizzare dati dettagliati di oltre 5000 pazienti in tutta Europa.”

Referenze:

Intervista al Dott.Angelos Kolias, neurochirurgo e ricercatore per NIHR dall'Università di Cambridge, 15° Interim Meeting of the World Federation of Neurosurgical Societies 8-12 Settembre 2015, Roma

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato