Ordini della Campania: commissariare la regione

Redazione DottNet | 22/09/2015 14:51

Gli ordini della Campania chiedono al presidente De Luca di commissariare la regione

''A rischio i principi fondanti del Servizio Sanitario Nazionale, la professione e il ruolo delle figure mediche e odontoiatriche e il rapporto con i cittadini''. E' scritto nell'appello che la Federazione regionale degli Ordini dei Medici della Campania ha deciso di rivolgere al presidente del Consiglio Matteo Renzi e al ministro della Salute Beatrice Lorenzin ''affinché venga al più presto nominato il Commissario ad acta per la prosecuzione del piano di rientro del settore sanitario''. Per voce del presidente dell'Ordine dei Medici di Napoli la Federazione si è rivolta al Governo ''per esprimere una forte preoccupazione per quella che viene definita una impasse non ulteriormente tollerabile''.

Nella missiva si evidenzia come gli Ordini provinciali campani (di Napoli, Avellino, Benevento, Caserta e Salerno) dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri ''ricevano in maniera sempre più pressante richieste di intervento in una situazione di oggettiva gravità, che mina indistintamente i principi fondanti del Servizio Sanitario Nazionale, la professione ed il ruolo delle figure mediche e odontoiatriche, nonché il rapporto con la cittadinanza''. ''Se, da un lato si è convinti che solo il ritorno alla gestione ordinaria della Sanità potrà restituire con pienezza ruolo e funzioni al livello regionale della politica sanitaria - scrivono i presidenti degli Ordini - al tempo stesso si ha la piena consapevolezza che la funzione commissariale sia l'unica che possa consentire la ripresa di un percorso che, a tappe forzate, ripristini la "normalità" istituzionale e gestionale'', conclude la nota.

 

fonte: omceo Napoli