La comunicazione nella cosmetica volta pagina

Redazione DottNet | 30/09/2015 21:43

Cambia la comunicazione nalla cosmetica: più blogger con un occhio alle tendenze fashion e moda

Movimenti di opinione, community, forum e blog stanno cambiando radicalmente il mondo della bellezza. Curiosando nei dibattiti online femminili, ma anche creandoli ad hoc le imprese della cosmesi stanno modificando alla radice il loro modus operandi e le campagne di comunicazione rivolte al mondo femminile. Coinvolgendo direttamente le potenziali clienti sono così nate le prime creme antirughe fatte proprio come le donne le sognano. "Siamo in una fase nuova, molto stimolante, della comunicazione" - ha affermato Benedetto Lavino, Vice Presidente di Cosmetica Italia, associazione nazionale imprese cosmetiche, in occasione della cerimonia di premiazione "CosmeticAward", premio italiano della cosmesi dedicato all'innovazione nella comunicazione, svolta ieri sera al Parco della Biodiversità dell'Expo di Milano.

 

"La comunicazione innovativa punta a coinvolgere emotivamente il pubblico femminile e lo fa senza proporre modelli esterni né operando dall'alto ma creando un filo diretto con le donne tramite facebook, twitter, sui forum, attraverso le blogger e ideando campagne virtuali, oppure dirette, che reclutano senza filtri le donne" - ha sottolineato Lavino. "Le imprese della cosmesi aprono la strada ad una nuova forma di comunicazione che sarà intrapresa presto anche da altri comparti industriali" - ha affermato Lavino - "Basti pensare che il settore ha investito circa 470 milioni di euro in comunicazione lo scorso anno con un incremento dell'1,4% rispetto al precedente". "Le campagne pubblicitarie innovative si svolgono a più livelli" - ha precisato Lavino, - "come le iniziative 'digital in store', con l'uso di strumenti informatiche danno maggiori informazioni su prodotti e servizi, e scatti selfie' del prima e dopo 'trucco e parrucco' (da mandare agli amici) o solo taggare il proprio passaggio. In via sperimentale l'uso di programmi che delineano le nuances ideali per il maquillage a misura di viso e colorito.

 

Nuove le iniziative di digital public relations, effettuate col supporto delle blogger più seguite ma, soprattutto, più autorevoli. Ci sono inoltre nuovi software capaci di monitorare i 'sentiment', cioè l'umore della rete, laddove si discute di cosmesi o di una azienda in particolare, utili per correggere eventuali aspetti che il pubblico non apprezza dei propri prodotti o messaggi, o per creare iniziative sulla base dei bisogni del momento". Ha concluso Lavino: "Già messe in commercio le prime creme per il viso con ingredienti richiesti direttamente dalle donne, coinvolte una ad una sia attraverso lettere spedite a casa che con internet. Le consumatrici hanno richiesto un prodotto che contenesse, oltre agli attivi anti età, ingredienti naturali prodotti in Italia, come il miele da alveari certificati e vegetali autoctoni. La crema in questione è diventata velocemente un best seller". "Su 32 progetti presentati in occasione del premio 'CosmeticAward" - ha precisato Fabio Rossello, Presidente Cosmetica Italia - " Sono entrati in finale 9 campagne innovative coinvolgenti, basate su un mix di utilizzo di mezzi sia classici che digitali, che sono state vagliate da una giuria presieduta dal sociologo Francesco Morace, da un giornalista, da una blogger, dall'Unione nazionale consumatori e dall' Upa, utenti pubblicità associati".

 

Si sono aggiudicate il riconoscimento 'CosmeticAward' dedicato all'innovazione in comunicazione di Cosmetica Italia 3 campagne intraprese da L'Oreal Italia per Dermablend, Lycia di Artsana Group e Nashi Argan di Landoll-Milano. Nella cerimonia è stato infine consegnato un premio 'Speciale' all'azienda italiana Davines per la campagna 'I sustain beauty', progetto di difesa e valorizzazione della bellezza su tre fronti: artistico, ambientale e sociale.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato