L’inappetenza dei bambini e le preoccupazioni dei genitori

Rita Tanas | 08/10/2015 10:07

Come nasce la schiera dei bambini che “non mangiano”.

I bambini fin dalla nascita vengono invitati e spesso forzati a mangiare di più, anche se già in sovrappeso e obesi, da genitori che usano questi metodi per antica tradizione e, inconsapevoli, del danno che il cambiamento di taglia e di abitudini con un’offerta alimentare esagerata rispetto ai bisogni, porterà loro.

I bambini sono fisiologicamente “paffutelli” dopo i primi mesi di vita fino ai 12 - 18 mesi; successivamente il loro tessuto adiposo si riduce e diventano più “smilzi”. Questo cambiamento naturale nei Paesi sviluppati sta diventando progressivamente meno frequente: i pochi genitori, che lo notano, temono che sia un sintomo di malattia; mentre i molti, che non lo osservano, non lo avvertono come un problema anche se i loro bimbi stanno diventando più pesanti del normale.

Nasce così la schiera dei bambini “che non mangiano”.

La maggior parte di essi, alla valutazione medica, risultano cresciuti benissimo, a volte persino a percentili di peso e statura elevati, se valutati con le curve di crescita internazionali del OMS, e quindi non hanno problemi. In Italia dai dati del 2014, un bimbo di 8-9 anni su 5 è sovrappeso, 1 su 10 è obeso e il 2,2% è severamente obeso. Le frequenze sono in leggero calo rispetto al 2008, tuttavia rimangono decisamente ancora elevate.

Ma, come rassicurare le famiglie? Spesso questa “inappetenza” è solo una valutazione soggettiva di genitori e nonni? Retaggio di pensieri ancestrali codificati da ormai lontani periodi di povertà, fame, epidemie e guerre?

Basterebbe una visita pediatrica auxologica per fugare la paura ed evitare l’instaurarsi di modalità patologiche di alimentazione: inseguimenti per casa, teatrini per creare distrazione, offerta multipla di cibi diversi, ricatti verbali: “se non mangi, ti ammali” “se non mangi, non diventi grande”, davvero terribili e non solo per la forzatura del centro della sazietà.

Questi comportamenti possono sfociare in atteggiamenti insani dei bambini oltre ad essere accompagnati dalla richiesta di farmaci che aumentino l’appetito o di integratori nutrizionali. L’effetto dei primi di solito è nullo o transitorio, spesso seguito da un peggioramento; quello dei secondi, buono solo quando somministrati per una reale carenza anche lieve o per integrare una dieta non ben equilibrata.

Anche il vomito nei bambini di 2-4 anni è spesso secondario a forzature: i genitori non lo riferiscono forse perché non ne sono consapevoli, finché il medico curante non lo fa emergere. Soltanto una piccola percentuale di bambini mangia davvero poco e cresce meno degli altri: un bravo pediatra è capace di identificarli.

Spesso questa crescita si è già verificata in famiglia ed il bambino cresce proprio come uno o entrambi i genitori, come può essere osservato in vecchi documenti o foto: ciò può aiutare queste famiglie ad accettare magrezze e/o basse stature costituzionali e recuperare serenità.

Nei rari casi in cui questo dato anamnestico manca, occorre:

- ricorrere agli specialisti, auxologi o endocrinologi pediatri, per valutare se davvero ci si trova davanti ad una malattia;

- monitorare con cura la crescita con valutazioni antropometriche eseguite con metodica accurata, sempre uguale e ripetute per vari mesi;

- escludere con esami di laboratorio, radiologici e test funzionali, segni di malnutrizione e possibili malattie organiche endocrine, come l’ipotiroidismo (per lo più già valutato alla nascita con lo screening), rari casi di iposurrenalismo e ipopituitarismo; gastrointestinali come la celiachia, le malattie infiammatorie croniche e le parassitosi o altre patologie organiche;

- rivedere gli schemi alimentari utilizzati e magari valutare, filmandoli, i momenti del pasto per capire se ci si può orientare verso un disturbo del comportamento alimentare.

Nella prima e nella seconda infanzia i disturbi alimentari significativi di questo tipo, sono legati a situazioni di stress familiari, pregresse patologie psichiatriche dei genitori, o difficoltà di relazione intra-familiare che possono essere migliorati con l’intervento precoce di uno psicologo specializzato nella loro cura.

Tabella 1. Disturbi del comportamento alimentari più comuni dei bambini:

- Anoressia nervosa

- Bulimia Nervosa

- Disturbo Emozionale con Evitamento del Cibo

- Alimentazione Selettiva

- Alimentazione Restrittiva

- Rifiuto del Cibo

- Paura o Fobia Specifica con evitamento del cibo (inclusa disfagia funzionale)

- Sindrome da Rifiuto Pervasivo

- Perdita dell’Appetito Secondaria a Depressione.

Gli esperti raccomandano di avere grande attenzione verso i loro sintomi (ad esempio comportamenti di compenso, deflessione della curva di crescita), di non sottovalutare i comportamenti, anche in assenza di sintomi, e offrire più informazione/formazione a genitori, medici di primo livello ed educatori che possa aiutarli nel sospetto e nella cura precoce, che ne migliorano la prognosi.

 

Bibliografia

- Bravender T, Bryant-Waugh R, Herzog D, Katzman D, Kriepe RD, Lask B, Le Grange D, Lock J, Loeb KL, Marcus MD, Madden S, Nicholls D, O'Toole J, Pinhas L, Rome E, Sokol-Burger M, Wallin U, Zucker N; Workgroup for Classification of Eating Disorders in Children and Adolescents. Classification of eating disturbance in children and adolescents: proposed changes for the DSM-V. Eur Eat Disord Rev. 2010 Mar;18(2):79-89.

- Caroli M, Vincenza Gianfreda V. Curve di crescita: quali scegliere e come leggerle. Area Peditrica 2014;15:27-32.

- De Luca G. Anoressia e bulimia già a 8 anni, ecco i campanelli d’allarme. Pediatria 2015;4:14-15.

- De Luca G, Tanas R, Ruggiero F, Chiavetta S, Sicoli C, De Luca F, Napoletani M. La pediatria di famiglia ed i disturbi del comportamento alimentare nelle prime fasi dell’adolescenza. Rivista Italiana di Medicina dell’Adolescenza 2013;11(Suppl1):5-9

- Marucci S. Buone pratiche di cura nei disturbi del comportamento alimentare: verso le linee guida. Rivista Italiana di Medicina dell'Adolescenza. 2013;11(suppl1):35-40.

Articolo sponsorizzato da Perfetti S.p.A.