Aifa, stabile la spesa convenzionata, giù le ricette

Farmaci | Redazione DottNet | 23/10/2015 11:33

Le rivelazioni dell'Agenzia vanno da gennaio a luglio. Male la spesa farmaceutica ospedaliera

La spesa farmaceutica convenzionata si stabilizza e la territoriale allarga di qualche altro decimo di punto lo sfondamento del proprio tetto. Sono alcune delle evidenze che arrivano dalle ultime rilevazioni dell’Aifa, relative ai sette mesi che vanno da gennaio a luglio: preoccupa ulteriormente l’andamento della spesa farmaceutica ospedaliera, che supera i 3,8 miliardi e in proiezione vale il 5,3% del Fondo sanitario nazionale (quando non dovrebbe superare il 3,5%), ma dà da pensare anche il trend delle ricette Ssn, che nei primi sette mesi dell’anno calano dell’1,7% rispetto allo stesso periodo del 2014. Quest’ultimo dato, in particolare, consolida una tendenza (già emersa nella prima parte del 2015) che in alcune parti del Paese raggiunge proporzioni consistenti: Veneto -8,3%; Val d’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Bolzano -3,3%; Emilia Romagna -3,2%.

Per quanto concerne la spesa territoriale, ossia quella che passa dalle farmacie, la considerazione cui invitano i dati Aifa riguarda lo sfondamento del tetto: a maggio le uscite superavano il budget di appena 3,5 decimi di punto (11,7 anziché 11,35%), a luglio il gap è già salito al 12,1%. Colpa in gran parte della spesa per diretta/dpc, che nei primi sette mesi dell’anno è cresciuta del 28,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E colpa, in senso lato, della spesa farmaceutica convenzionata, che tra gennaio e luglio ha praticamente smesso di calare (-0,6% al netto di ticket e sconti). Come diversi osservatori avevano annunciato nei mesi passati, è la conferma che la spinta delle genericazioni sta ormai esaurendosi.

 

fonte: aifa, federfarma

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato