Ocse, con la crisi cala la spesa sanitaria

Redazione DottNet | 04/11/2015 13:24

Il calo in Italia nel 2013 è stato del 3,5% in termini reali, registrando il terzo anno consecutivo di decrescita

La spesa sanitaria (pubblica e privata) in Italia nel 2013 è diminuita del 3,5% in termini reali, registrando il terzo anno consecutivo di calo, e secondo dati preliminari si è ulteriormente ridotta dello 0,4% nel 2014. E' quanto rileva l'Ocse in un rapporto su salute e sanità, precisando che "di conseguenza, la spesa sanitaria pro capite in Italia rimane inferiore ai livelli precedenti alla crisi economica, e ampiamente al di sotto della spesa di altri Paesi Ocse ad alto reddito".



In termini relativi, la spesa sanitaria 2013 in Italia è stata pari all'8,8% del Pil, di cui poco meno del 7% di spesa pubblica. Il dato è appena inferiore alla media Ocse dell'8,9%. Negli anni della crisi, sottolinea l'Ocse, l'Italia ha implementato "una serie di misure di contenimento della spesa sanitaria", in particolare sul fronte farmaceutico, con il netto aumento dell'uso dei farmaci generici. Ciononostante, il nostro Paese resta terzultimo nell'area Ocse per quota di mercato di questo tipo di farmaci, con il 19% in volume e l'11% in valore.

 

fonte: ocse

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato