Contratto dipendenti farmacie: si prepara la protesta

Redazione DottNet | 04/11/2015 20:51

I dipendenti di farmacia pubblica e privata sono da anni senza contratto. E non si vedono grandi novità in tal senso, visto che le trattative con i sindacati per il rinnovo dei due Ccnl non sono praticamente mai partite.

Anche in stallo il contratto per i dipendenti di farmacia, pubbliche o private. E non si vedono spiragli all'orizzonte, salvo qualche timido contatto ormai datato, nonostante i ripetuti appelli, tutti caduti nel vuoto. Per cui le speranze che non si vada verso una vertenza sono poche. Danilo Lelli, delegato Filcams Cgil al tavolo per il rinnovo del contratto, ha intanto annunciato che il 17 novembre la Filcams Cgil terrà il proprio coordinamento nazionale delle farmacie e in quell’occasione saranno decise le azioni da portare avanti. I sindacati ammettono di essere più in allarme per i rapporti con Federfarma che non di quelli con Assofarm.

A giustificazione del mancato confronto, Federfarma e Assofarm portano la crisi e l’instabilità normativa, che non permette di comprendere lo scenario in cui muoversi e neanche entro quali confini tirare o allentare le corde contrattuali. “Stiamo già faticando a tirare avanti. Non ce la sentiamo di prendere impegni e promettere condizioni contrattuali migliori”, dicono in sostanza Federfarma e Assofarm. Ma se Assofarm si dice pronta a riprendere il dialogo, per quanto riguarda Federfarma non pare ci siano grossi passi avanti.


Intanto, Assofarm ha inviato nei giorni scorsi ai sindacati la comunicazione della disdetta del Contratto in vigore, pur dichiarando che continuerà a darvi applicazione anche dopo il 31 dicembre 2015, un atto che potrebbe sembrare una forma di protesta nei confronti dei problemi del settore.

 

 

fonte: assofarm, QS, filcams

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato