I vantaggi dell’imaging ad alta risoluzione nell’ablazione epicardica

Medical Information Dottnet | 13/11/2015 18:07

Le immagini ad alta risoluzione sono utili per ridurre i rischi di lesioni durante l’ablazione epicardica della tachicardia ventricolare.

L’ablazione epicardica della tachicardia ventricolare (TV) è associata a rischio di lesione a carico di un’arteria coronaria (AC) e del nervo frenico (NF).

E’ stato studiato il ruolo della tomografia computerizzata multi-rilevatore nella visualizzazione della AC e del NF durante l’ablazione TV.

Hanno preso parte allo studio 95 pazienti (86 uomini, con età di 57 ± 15 anni) con TV, sottoposti a tomografia cardiaca computerizzata con multi-rilevatori. Sono state valutate la percentuale di rilevamento del NF e la variabilità anatomica. In 49 pazienti sottoposti a mapping epicardico, è stata utilizzata la tomografia computerizzata con multi-rilevatori in tempo reale per visualizzare le posizioni di AC e NF nei sistemi di mappatura tridimensionali. L’eliminazione delle attività ventricolari anomale locali (AVAL) è stato l’endpoint dell’ablazione. La distribuzione di AC e NF rispetto alle AVAL è stata analizzata e confrontata alle eziologie della TV.

La tomografia computerizzata ha rilevato il NF in 81 pazienti (85%). Le AVAL epicardiche sono state osservate in 44 di 49 pazienti (15 con cardiomiopatia ischemica, 15 con cardiomiopatia non ischemica e 14 con cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro) con una media di 35 ± 37 punti AVAL/paziente. Le AVAL sono state rilevate ad 1 cm dalla AC e dal NP in 35 (80%) e 18 (37%) pazienti, rispettivamente. La prevalenza di AVAL adiacente alla AC è stata più elevata nella cardiomiopatia non ischemica e nella cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro rispetto alla cardiomiopatia ischemica (100% rispetto all’86% in confronto al 53%; p<0.01). La prevalenza di AVAL adiacenti al NF è risultata più elevata nella cardiomiopatia non ischemica rispetto alla cardiomiopatia ischemica (93% rispetto a 27%; p<0.001). L’ablazione epicardica è stata eseguita in 37 pazienti (76%). Le AVAL epicardiche non sono state eliminate in 8 pazienti (18%) a causa della vicinanza di AC o NF.

Il substrato elettrofisiologico epicardico della TV è spesso vicino alla AC e al NF in pazienti con cardiomiopatia non ischemica. L’integrazione con immagini ad alta risoluzione è potenzialmente utile per ridurre al minimo i rischi di lesioni del NF e della AC durante l’ablazione epicardica della TV.

Riferimenti bibliografici:

Yamashita S, Sacher F, Mahida S, Berte B, Lim HS, Komatsu Y, Amraoui S, Denis A, Derval N, Laurent F, Montaudon M, Hocini M, Haïssaguerre M, Jaïs P, Cochet H. Role of high-resolution image integration to visualize left phrenic nerve and coronary arteries during epicardial ventricular tachycardia ablation. Circ Arrhythm Electrophysiol. 2015 Apr;8(2):371-80.