Usa, restano incinte per un errore di confezionamento della pillola

Farmaci | Redazione DottNet | 16/11/2015 14:16

Azione legale contro le aziende farmaceutiche: in centinaia chiedono il risarcimento

Sono rimaste incinta in 117, e 94 di loro hanno effettivamente partorito figli, nati per un errore sulle confezioni di diverse pillole anticoncezionali. Ora le cento e piu' donne che hanno usato le controverse pasticche e che per questo sostengono sono rimaste incinta, hanno fatto causa alle case farmaceutiche responsabili. E chiedono mega-risarcimenti, che includano il costo di crescere i figli sino al pagamento delle rette del college futuro.

L'azione legale e' stata presentata a Philadelphia e non e' ancora chiaro se la corte accettera' la causa come una 'class action', o richiedera' che le azioni legali vengano presentate individualmente. Nel 2011 fu scoperto che le pillole anticoncezionali di un certo tipo vanno confezionate in uno specifico ordine per i 28 giorni al mese di uso previsti, in quanto se presentate in una sequenza errata, offrirebbero protezione contraccettiva inferiore.

Ben 500.000 confezioni furono ritirate dal mercato. Ma le 117 donne in questione sostengono di essere rimaste incinta dopo aver usato le pillole della 'Endo Pharmaceuticals' ed altre case produttrici o distributrici del medicinale.

 

 

fonte: ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato