Enpaf, sale da 5 a 7 anni il periodo di riduzione dei contributi

Redazione DottNet | 29/11/2015 18:21

La decisione arriva al termine del Consiglio nazionale dell’ente di previdenza nella seduta del 24-25 novembre,

Passa da 5 a 7 anni il periodo massimo nel quale gli iscritti all’Enpaf in disoccupazione temporanea e involontaria possono beneficiare della riduzione contributiva o del contributo di solidarietà. La  decisione è stata adottata dal Consiglio nazionale dell’ente di previdenza nella seduta del 24-25 novembre, come riporta una nota della cassa diffusa venerdì. Il prolungamento, continua l’Enpaf, passa ora all’esame dei Ministeri vigilanti per la ratifica finale e non comporterà oneri aggiuntivi agli iscritti.

Nella stessa seduta, il Consiglio nazionale ha anche dato luce verde al Bilancio di previsione 2016, al Bilancio tecnico 2014 e al nuovo Regolamento di assistenza. Quest’ultimo, in particolare, introduce per la prima volta nella previdenza dei farmacisti alcuni istituti del cosiddetto welfare allargato, quali l’assistenza sanitaria integrativa e la “Long term care”, delle quali potrà beneficiare la totalità degli iscritti «indipendentemente dalla condizione di bisogno». «Esprimo un particolare ringraziamento al Consiglio nazionale che ha apprezzato e condiviso il lavoro presentato» è il commento del presidente dell’Enpaf, Emilio Croce « l’ente sarà sempre presente rispetto ai bisogni e alle nuove esigenze degli iscritti». Anche per questo intervento sarà necessario attendere l’ok dei Ministeri vigilanti.

 

fonte: enpaf, federfarma

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato