Pubblico impiego, ci sarà il comparto sanità

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 07/12/2015 19:17

Gasparrini, ipotesi 'poteri centrali, locali, sanità e scuola'

Sindacati e Aran torneranno ad incontrarsi mercoledì 17 dicembre per cercare una soluzione sui comparti in cui si divide il pubblico impiego. Oggi sono formalmente undici mentre la legge impone di ridurli a massimo quattro e dal numero dei settori dipende quello dei contratti. Non a caso l'intesa è preliminare alla riapertura della contrattazione. Il presidente dell'Aran, Sergio Gasparrini, prende atto "delle difficoltà emerse nel proporre una riduzione a tre", per cui ora, spiega, "un equilibrio si potrebbe trovare con un'ipotesi a quattro".

 

Ma sulla composizione dei nuovi comparti il numero uno dell'Aran, l'agenzia che rappresenta il governo nelle negoziazioni, non si sbilancia anche se, sottolinea, si potrebbe pensare alla formula "poteri centrali, poteri locali, scuola e sanità". Tuttavia non ci sono preclusioni, da parte dell'Aran, rispetto ad altre combinazioni, tra cui quella che tiene distinto il settore università e ricerca. Probabilmente l'appuntamento del 17 sarà cruciale ma non definitivo. Per il raggiungimento di un accordo si dovrà aspettare ancora, anche perché c'è da trovare un'intesa anche all'interno del fronte sindacale. Quindi à dopo il prossimo incontro i lavori si dovrebbero aggiornare a gennaio.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato