Alle farmacie anche il danno dai ritardi nei rimborsi

Redazione DottNet | 18/01/2016 13:48

La sentenza arriva dal tribunale di Viterbo, che con decisione 1215/2015 ha condannato l’Asl per debiti sulle dcr risalenti al 2009.

In materia di mancati pagamenti arriva un’altra vittoria per Credifarma, che porta a casa l’ennesima sentenza in cui alle farmacie vengono riconosciuti non solo gli interessi legali sulle somme inesatte, ma anche il danno subito per i ritardi nei rimborsi. Il tribunale è quello di Viterbo, che con decisione 1215/2015 ha condannato l’Asl per debiti sulle dcr risalenti al 2009.

La sentenza, ricorda in una nota la società finanziaria (partecipata al 66% da Federfarma), ha effetto per tutte le farmacie clienti di Credifarma della provincia di Viterbo. «Continuano a essere vincenti» è il commento di Marco Alessandrini, amministratore delegato della società «il servizio e la strategia giuridica adottato: già altre precedenti sentenze, infatti, avevano sostenuto lo stesso orientamento riconoscendo ai nostri farmacisti clienti il diritto al rimborso del danno subito. Nel caso specifico, questo significa il totale rimborso degli oneri finanziari sostenuti dai farmacisti nell’anticipo della dcr. Di fatto, chi si è rivolto a Credifarma è come se si fosse finanziato a tasso zero».

 

fonte: federfarma

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato