Racca, la privacy ci ha bloccati. Adesso per il 730 è tutto regolare

Farmacia | Redazione DottNet | 20/01/2016 19:22

La risposta del Presidente di Federfarma a Orlandi: dal 1 gennaio nessun scontrino sarà perso

Alcune norme sulla privacy hanno frenato la raccolta dei dati nel 2015 che serviranno per la costituzione del 730 precompilato. Ma dal primo gennaio di quest'anno la raccolta' e' del tutto regolare ''e nessuno scontrino potra' essere perso'': la presidente di Federfarma Annarosa Racca lo precisa dopo quanto affermato dalla direttrice dell'Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi, in audizione alla Camera. ''Federfarma ha sempre creduto e condiviso in collaborazione con Sogei, il lavoro per la racconta dei dati che portera' al 730 precompilato, sostenendo anche la ricetta elettronica nazionale'' ha detto Racca. ''Il confronto con Sogei e' stato positivo e costante per consentire la trasmissione dei dati ma fino all'agosto del 2015 eravamo stati bloccati per alcune norme sulla privacy ma il problema - ha concluso - e' ora risolto''.

 

Federfarma in una nota ricorda di avere lavorato a pieno regime, con il supporto della propria società di servizi Promofarma, per consentire alle farmacie di inviare i dati richiesti. ''Giustamente il direttore generale dell'Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi ha affermato però che i dati relativi alle spese sostenute dai cittadini in farmacia nel 2015 non potranno essere completi. Infatti, solo l'11 agosto 2015 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto contenente le specifiche tecniche per l'invio dei dati ed è stato possibile procedere all'adattamento dei programmi gestionali delle farmacie''.

 

Inoltre, solo in agosto, con la pubblicazione di questo decreto, conclude l'associazione che rappresenta le private, sono stati risolti anche i problemi di privacy, ''chiarendo le modalità con le quali il cittadino può esprimere il consenso o il diniego alla trasmissione di dati sensibili utilizzati per finalità diverse da quelle di carattere sanitario. Oggi tutti i problemi relativi all'invio dei dati degli scontrini fiscali rilasciati dalle farmacie sono stati risolti anche grazie alla fattiva e costruttiva collaborazione della Ragioneria generale dello Stato, di Sogei e dell'Agenzia delle Entrate. Tutti i dati degli scontrini, rilasciati a partire dal primo gennaio 2016, potranno essere inviati regolarmente da tutte le 18.000 farmacie''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato