Meningite, vaccinazione intensa in Toscana. E' il ceppo più aggressivo

Infettivologia | Redazione DottNet | 09/02/2016 19:05

Ricciardi (iss), avviata anche una negoziazione con le aziende sui prezzi

E' il meningococco del ceppo C, il ''più aggressivo'', la causa della maggior parte dei casi di meningite registrati negli ultimi mesi in Toscana: un batterio contro il quale è prevista la vaccinazione, da circa dieci anni, per la fascia dei bambini e adolescenti, ma la protezione dei più piccoli ''non è evidentemente bastata a garantire, con un 'effetto gregge', anche la protezione di adulti e anziani''. A chiarire i meccanismi che potrebbero essere alla base della escalation di infezioni in alcune zone della regione è il direttore del dipartimento Malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanita' (Iss), Gianni Rezza.

Il ceppo C, spiega Rezza, ''è molto virulento e può essere anche causa di setticemie, ovvero di infezioni generalizzate nell'organismo''. Ciò che ''colpisce nella situazione registrata in Toscana - sottolinea l'esperto - è che nonostante l'infezione sia sotto controllo tra i bambini e gli adolescenti, già vaccinati, si continuano invece a registrare casi tra gli adulti e gli anziani''. La ragione di ciò è che ''evidentemente, nonostante con le vaccinazioni si sia creato un 'argine' a difesa di bambini e adolescenti, ciò non è bastato a creare un 'effetto copertura' anche tra gli adulti e gli anziani, che invece non sono stati vaccinati in passato''. Già nei mesi scorsi, rileva Rezza, ''era stata avviata in Toscana una intensificazione delle vaccinazioni contro il meningococco C, ma sempre nella fascia degli adolescenti, e ciò ha portato buoni risultati dal momento che non si registrano casi di infezione in questa fascia di età''.

Ora, con la vaccinazione intensiva decisa al ministero della Salute per le aree della Toscana più colpite, ''si punterà invece ad attuare una maggiore copertura vaccinale proprio tra le fasce di età più adulte, che al momento sono le più a rischio''. L'obiettivo è dunque quello di arrivare ad un effetto di protezione esteso su tutta la popolazione contro una patologia particolarmente temuta. La meningite, spiega l'esperto, è infatti un'infezione che interessa il sistema nervoso, in particolare le meningi che sono il rivestimento, e può essere determinata da virus o batteri: i più aggressivi sono proprio i batteri e, tra questi, il meningococco C e B, lo pneumococco e l'Haemophilus Influentiae di tipo B. La malattia ha una progressione in molti casi rapidissima e dei sintomi che inizialmente assomigliano a quelli dell'influenza prima che se ne verifichino altri, come macchie o rigidità nucale, che arrivano spesso quando è ormai tardi.

Fondamentali sono quindi le vaccinazioni: ''A un anno di vita - afferma Rezza - si può effettuare la vaccinazione contro il meningococco di tipo C, in una sola dose anche se è tema di discussione l'opportunità di prevedere dei richiami, e poi, dal 1 gennaio 2014, è possibile effettuare anche quella contro il meningococco B, che è gratis solo in alcune regioni''. La vaccinazione contro il meningococco C, precisa l'epidemiologo, ''è comunque stata introdotta solo da una decina di anni''. Esistono anche altri ceppi di meningococco, quelli A, W e Y: ''Contro questi ceppi, più diffusi all'estero - conclude Rezza - è possibile effettuare la vaccinazione, facoltativa, durante l'adolescenza''.

 

 

Fonte: iss, ansa

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato