Il migliore vaccino antinfluenzale dal 2004

Redazione DottNet | 26/02/2016 14:19

Rischio infezione ridotto del 59% in Usa, numeri migliori di Ue

 Il vaccino per questa stagione influenzale è tra i migliori degli ultimi anni, con un'efficacia vicina al 60%. Lo affermano i dati preliminari diffusi dal Cdc americano, secondo cui non c'è stato il problema relativo alla scorsa stagione, quando il ceppo circolante prevalente è risultato diverso da quello nel vaccino.

I dati del Cdc parlano di un'efficacia totale del 59%, la cifra più alta dal 2004, mentre per i singoli ceppi si è vista una efficacia del 51% contro i virus H1N1, il più diffuso, e del 76% contro tutti i virus B. "Questo vuol dire che chi si è vaccinato ha un rischio ridotto del 60% di andare dal medico per un'influenza - afferma Joseph Bresee del Cdc -. E' una buona notizia, e sottolinea l'importanza degli sforzi per la vaccinazione".

I numeri preliminari europei, pubblicati dai ricercatori del progetto Influenza Monitoring Vaccine Effectiveness in Europe (I-MOVE), sono per ora più bassi. Secondo le prime stime, fatte però su un numero di casi molto basso, l'efficacia sarebbe del 46,3%, comunque molto più alta di quella dello scorso anno.

 

fonte: ansa