Diabetici, il fabbisogno va controllato da Mmg e farmacisti

Redazione DottNet | 03/03/2016 10:30

La proposta sabato a un incontro Fand-Federfarma-Lombardia

Controllare, attraverso le farmacie e la loro rete informatica, estesa a diabetologi e medici di famiglia, il reale fabbisogno dei pazienti diabetici di presidi medici (insulina, lancette e strisce per misurare la glicemia), e sulla base di questi dati rinnovare la convenzione fra Regione Lombardia e Federfarma per una distribuzione dei dispositivi a prezzi ridotti. E' quanto l'Associazione Nazionale Diabetici (Fand) della Lombardia proporrà sabato mattina a Federfarma e a Regione Lombardia in un incontro al Teatro Litta (corso Magenta).

"Fand intende proporre alla Regione un modo per risparmiare sui presidi, assicurando a tutte le persone con diabete i dispositivi giusti per curarsi in modo appropriato", spiega Tamara Grilli, Coordinatore Fand Lombardia. "La nostra proposta coniuga due giuste esigenze - aggiunge Albino Bottazzo, Presidente Vicario Fand - quella dei cittadini lombardi con diabete, che chiedono di poter utilizzare i dispositivi più appropriati per misurare la glicemia a domicilio o iniettarsi l'insulina, nel rispetto del piano terapeutico predisposto dal diabetologo, e quella della Regione Lombardia di conseguire un risparmio rispetto ai costi attuali".

Tre sono, in particolare, i punti principali della proposta: prima di tutto, attuare il controllo capillare del consumo di dispositivi da parte delle 370mila persone con diabete che in Lombardia effettuano l'autocontrollo glicemico domiciliare e delle 130mila persone in cura con iniezioni di insulina, attraverso il sistema informatico che già oggi permette il 'dialogo' tra le farmacie, le Aziende Socio Sanitarie territoriali e la Regione; in secondo luogo, estendere tale sistema informatico, coinvolgendo diabetologi e medici di medicina generale, anche al fine di verificare l'appropriatezza terapeutica; terzo, stipulare, tra Regione e Federfarma, una nuova convenzione che possa rivedere al ribasso i costi attuali".

 

 

fonte: fand