Fofi: occhio ai farmaci acquistati via internet

Redazione DottNet | 12/01/2009 16:17

aziende farmaci fofi internet

Attenzione all'acquisto di farmaci via internet, perchè il rischio di essere truffati economicamente potrebbe essere solo il minore dei mali rispetto ai potenziali danni per la salute.

A mettere in guardia è Andrea Mandelli, vicepresidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti (Fofi). Queste, sottolinea la Fofi pubblicando una sorta di 'decalogo per la sicurezza', le principali trappole cui è esposto il cittadino che si sentisse attratto da tali offerte on-line: - Spesso vengono proposte contraffazioni, che possono non contenere il vero principio attivo, cioè la sostanza che ha l'attività curativa, oppure contenerlo in quantità differenti. E' anche accaduto che i farmaci proposti attraverso canali non autorizzati contenessero sostanze pericolose per la salute. - Dei farmaci acquistati on-line non si sa come siano conservati e per quanto tempo. E' possibile che siano scaduti o adulterati. - C'è il rischio che il dosaggio del farmaco sia differente da quello che si usa abitualmente: soprattutto in Oriente vengono approvati medicinali differenti per dosaggio e preparazione da quelli approvati negli Stati Uniti o in Europa. - Quasi sempre gli annunci delle farmacie virtuali fanno riferimento a farmaci soggetti ad abuso: anabolizzanti, psicofarmaci, medicinali per la disfunzione erettile. Ma l'uso di farmaci fuori dalle indicazioni, è sempre pericoloso. ''Alla fine, il rischio che dopo il pagamento non arrivi nulla, cioè la truffa, è ancora il minore dei mali. Va ricordato - conclude Mandelli - che ogni volta si tratti di farmaci, la figura del farmacista è una tutela indispensabile''.