Umbria, bene gli screening antidiabete in farmacia

Redazione DottNet | 07/03/2016 13:46

le campagne hanno consentito di raggiungere 6.138 individui, in prevalenza donne (54,51%) e under 65 (58,5%).

La popolazione umbra è a rischio diabete. E’ quanto rivela un’elaborazione dei dati raccolti negli ultimi due anni dalle quattro campagne di screening condotte in regione dalle farmacie del territorio. Lanciate nell’ambito di un progetto promosso da Federfarma Umbria e Associazione italiana Lions per il diabete (Aild), le campagne hanno consentito di raggiungere 6.138 individui, in prevalenza donne (54,51%) e under 65 (58,5%). Rispetto alla selezione iniziale sono 5.570 le persone che hanno poi accettato di sottoporsi a screening, e di queste il 25,50% ha mostrato un rischio elevato (una probabilità su tre) o molto elevato (una su due) di sviluppare il diabete.

Significativi anche i dati raccolti dalla somministrazione del test per la glicemia: condotto da 6.101persone, ha permesso di diagnosticare 316 casi di diabete conclamato, dei quali 146 non diagnosticati in precedenza. In altri termini, grazie alle farmacie del territorio è stato possibile intercettare un consistente numero di malati di diabete, che hanno potuto avviare con i propri medici di famiglia i percorsi clinici previsti per la patologia. A questi vanno poi aggiunte altre 505 persone in condizioni di “pre-diabete”.

 

 

fonte: federfarma

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato