Indiscrezioni su possibile messa in vendita di Actavis

Aziende | Redazione DottNet | 13/01/2009 22:03

Galassia generici in fermento. Dopo la messa in vendita della tedesca Ratiopharm da parte della holding Vem, la finanziaria del miliardario suicida Adolf Merckle, potrebbe finire 'su piazza' anche l'islandese Actavis. Secondo fonti anonime citate da Reuters, la società di private-equity che controlla l'azienda, tra i principali produttori mondiali di medicinali 'non griffati', potrebbe decidere di cederla.
 

Sempre secondo le fonti, l'operazione potrebbe valere 6 miliardi di dollari o anche di più. Fra gli acquirenti più probabili vengono indicate anche multinazionali farmaceutiche del calibro di Pfizer, Sanofi-Aventis, Novartis e GlaxoSmithKline. Actavis vanta infatti una presenza particolarmente forte in mercati emergenti quali Europa dell'Est e alcune regioni asiatiche. No comment dal portavoce di Actavis, Hjordis Arnadottir, che tuttavia ricorda come la compagnia stia valutando da mesi numerose opzioni, inclusi il merger con altre società, acquisizioni oppure la vendita.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato