Errore medico, l'importanza del decorso dei tempi della querela

Redazione DottNet | 19/04/2016 13:20

Nel caso esaminato medico aveva prescritto una terapia chemioterapica al suo paziente, omettendo però di controllarne la somministrazione

La Cassazione con la sentenza n.12701/2016 si è soffermata sul termine di proposizione della querela, nel caso della condotta posta in essere da un medico, consistente nell’aver provocato lesioni colpose aggravate a danno di un paziente. Nel caso di specie, il medico aveva infatti prescritto una terapia chemioterapica al suo paziente, avendo però omesso di controllare la somministrazione della stesso.

 

Nell’esecuzione della terapia si era quindi verificato uno sversamento del liquido chemioterapico nei polmoni del paziente, che le cagionava così lesioni personali. I giudici di merito in primo e secondo grado hanno quindi accertato una sua responsabilità penale e la sussistenza di un nesso di causalità tra la condotta del medico e le lesioni alla paziente. Dopo la relativa condanna del medico, questo ha proposto ricorso in Cassazione. Gli Ermellini hanno anche qui rigettato il ricorso dell’imputato agli effetti civili, effettuando alcune precisazioni sul rapporto tra momento consumativo del reato e la tempestività della presentazione della querela. I giudici di legittimità hanno infatti ritenuto che il reato di lesioni personali colpose si consuma al momento dell’insorgenza della malattia prodotta dalle lesioni.

 

Se la condotta colposa però non cessa con l’insorgenza della malattia cagionando un successivo aggravamento, il reato di lesioni colpose si consuma quando si verifica l’ulteriore deperimento fisico. Nel caso di specie, i giudici di legittimità hanno ritenuto che l’insorgenza della malattia doveva farsi partire al momento dello travaso del liquido chemioterapico. Per quanto riguarda il termine per proporre la querela, secondo gli Ermellini, nel caso in esame esso non è iniziato a decorrere dal momento in cui la paziente è venuto a a conoscenza della patologia contratta, ma da quello in cui ha capito che sulla sua patologia abbiano influito errori medici.

 

Fonte: blasting

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato