Boeri a Dottnet: centralizzaremo gli accertamenti oncologici

Redazione DottNet | 12/05/2016 18:56

Il presidente dell'Inps in un'intervista a Dottnet anticipa le prossime novità dell'Ente che coinvolgeranno medici e ricercatori. Intanto 1/3 delle cause di invalidità deriva dai tumori. Il problema è in crescita continua

 ''Ci candidiamo a centralizzare gli accertamenti in oncologia e, in generale, per le visite: già lo stiamo facendo in alcune regioni, dove è l'Inps direttamente a fare tutti gli accertamenti quando vengono fatte le domande per prestazioni di disabilità e vorremmo diventare riferimento a livello nazionale, perchè questo ridurrebbe i tempi e renderebbe più efficiente i sistema''. Lo afferma il presidente dell'Inps, Tito Boeri, a Dottnet (clicca qui per la video intervista) intervenendo alla presentazione dell'VIII Rapporto Favo sulla condizione assistenziale dei malati oncologici.

Nell'intervista Boeri annuncia anche ''la chiusura di una procedura concorsuale per 900 posizioni di medici a contratto presso l'Inps e stiamo andando nella direzione di istituire un ruolo unico del medico presso l'Inps''.  ''Certamente in questo quadro, soprattutto a fronte dei nuovi compiti che ci sono stati richiesti anche per il controllo delle assenze per malattia nel pubblico - sottolinea Boeri - avremo bisogno di ulteriori risorse''. L'Istituto inoltre,  rileva il presidente, ''ha creato delle banche dati e vogliamo invitare i migliori cervelli a svolgere ricerche all'Inps utilizzando appunto le nostre banche. Ci sarà un nuovo bando a settembre e puntiamo a richiamare anche molti epidemiologi''.

Boeri, tornando all'oncologia, precisa che le neoplasie costituiscono oltre 1/3 delle cause di invalidità e inabilità, in crescita continua e con un incremento più evidente negli ultimi 5 anni e nel sesso femminile (per tumore alla mammella). 

E' interessata prevalentemente la fascia di età 41-60 anni. Quanto alla distribuzione regionale, emerge una prevalenza come causa invalidante nelle regioni del centro-nord. L'analisi dei dati 2012 ha però mostrato che 4 regioni si collocano, per incidenza globale delle istanze per malattia neoplastica, ben oltre la media nazionale (202 per 100mila abitanti): sono Molise (465 per 100mila abitanti, +130%), Calabria (+73%), Umbria (+72%) e Friuli Venezia Giulia (+51%). Le neoplasie uro-genitali sono la principale causa di invalidità in entrambi i sessi.

Una risposta fondamentale, conclude Boeri, ''è correlare gli interventi in tema di tutela della salute a quelli a tutela della disabilità e di ipotizzare una specifica legislazione di tutela globale in presenza di una patologia, come quella oncologica, di così grande rilevanza sociale''.

 

La video intervista a Boeri

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato