La farmacia e il dolore cronico

Redazione DottNet | 26/05/2016 16:21

Avviato un Osservatorio nazionale che inizia l'attività in questi giorni.

Da emicrania a endometriosi, da dolori lombari ad artriti: 13 milioni di italiani soffrono di dolore cronico. Per valutare la condizione concreta di applicazione della legge 38/2010 che mette nero su bianco il diritto ad avere terapie per controllare la sofferenza, la Fondazione Ghirotti ha avviato un Osservatorio nazionale, che inizia l'attività proprio in questi giorni. "Spesso c'è un problema nell'essere indirizzati vero le cure giuste.

 

Di qui la necessità di un monitoraggio sul territorio", spiega Raffaeli William, presidente Fondazione Isal (Istituto di scienze algologiche) a margine della presentazione della Giornata del Sollievo. A coordinare l'Osservatorio sarà l'ex ministro della Sanità Livia Turco. "In questi anni difficili per la gestione della Sanità - ha detto - applicare la legge sulle terapie antidolore non è sempre stato in cima ai pensieri dei nostri assessori" e "purtroppo la lotta al dolore cronico ancora non fa parte della cultura del Paese e neppure dei medici o di chi governa la sanità". L'osservatorio si servirà di questionari distribuiti dalla Conferenza delle Regioni a medici di famiglia, ospedali, hospice e non solo.

 

"Anche nelle 18.000 farmacie italiane è possibile compilare i questionari, perché noi farmacisti siamo quotidianamente a contatto con il problema del dolore", ha spiegato la presidente di Federfarma Annarosa Racca. La presentazione delle iniziative per Giornata del Dolore che si celebrerà il 29 maggio, è stata occasione per consegnare il premio Gerbera d'oro 2016. A riceverlo la Puglia, in particolare la fondazione 'Opera Santi medici Cosma e Damiano di Bitonto'.