Camera, sì all'obbligo dello screening neonatale. Adesso va al Senato

Redazione DottNet | 15/06/2016 14:18

Il testo è stato approvato all'unanimità

Sì unanime dell'Aula della Camera alle disposizioni in materia di accertamenti diagnostici neonatali obbligatori per la prevenzione e la cura delle malattie metaboliche ereditarie. Il testo, che mira a rendere obbligatoria, con l'inserimento nei livelli essenziali di assistenza, l'effettuazione dello screening neonatale per la diagnosi precoce di patologie ereditarie, torna al Senato.

Il provvedimento mira a garantire la prevenzione delle malattie metaboliche ereditarie, mediante una misura obbligatoria da inserire nei LEA (livelli essenziali di assistenza) relativa ad accertamenti diagnostici da effettuare su tutti i neonati per consentire diagnosi precoci e un tempestivo trattamento delle patologie. I soggetti a cui è rivolta questa misura possono essere nati da parti effettuati in strutture ospedaliere o a domicilio. Viene quindi istituito presso l'Istituto superiore di Sanità un Centro di coordinamento sugli screening neonatali, volto a favorire la massima uniformità nell'applicazione sul territorio nazionale della diagnosi precoce neonatale.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato