Chiesi acquista asset cardio di The Medicines Company

Aziende | Redazione DottNet | 23/06/2016 11:09

Operazione in Usa da 742 mln dlr per diritti su tre farmaci

Finalizzata, da parte della parmigiana Chiesi Farmaceutici, l'acquisizione dalla statunitense The Medicines Company dei diritti di commercializzazione a livello mondiale di tre farmaci ad uso ospedaliero, già approvati per il mercato americano: l'antiaggregante Kengreal, l'antipertensivo Cleviprex e l'anticoagulante per iniezione Argatroban che vanno ad arricchire il portfolio dell'azienda in area cardiovascolare.

In base all'intesa raggiunta tra le due aziende - spiega una nota - l'operazione ammonta a un totale di 742 milioni di dollari: nel dettaglio, Chiesi verserà un acconto immediato di circa 262 milioni di dollari, cui faranno seguito ulteriori pagamenti fino a 480 milioni di dollari in base al fatturato generato dai prodotti e il pagamento obbligatorio delle royalty.

"La presenza del gruppo a livello mondiale si fa sempre più pronunciata - osserva nella nota Ugo Di Francesco, ad di Chiesi Farmaceutici - non solo grazie al fatturato derivante dall'export, che nel 2015 ha superato l'80%, ma soprattutto grazie a una visione che vede nell'internazionalizzazione un asset strategico importante per la crescita del business nelle aree chiave" come gli Usa il cui mercato "offre grandi opportunità di crescita potenziali. Per coglierle - argomenta - è necessario identificarle e valutarle attentamente. Il nostro team sta lavorando attivamente in questo senso e in previsione di un'ulteriore crescita futura del Gruppo negli Stati Uniti".  Nel 2015 Chiesi ha realizzato un fatturato di oltre 1,46 miliardi di euro, in crescita del 9,4% rispetto al 2014. L'azienda emiliana impiega oltre 4500 persone, 560 delle quali dedicate ad attività di ricerca e sviluppo.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato