Toscana, in farmacia anche per prenotare Cup e pagare ticket

Redazione DottNet | 14/07/2016 16:09

Siglato l'accordo con la Regione per i nuovi servizi

Da ora in poi in gran parte delle farmacie della Toscana si potrà non solo acquistare medicinali ma anche prenotare una visita specialistica, pagare il ticket, o attivare la tessera sanitaria. Lo prevede un accordo, della durata di un anno in via sperimentale, siglato tra Regione Toscana, Urtofar e Cispel per l'erogazione di alcuni servizi al pubblico attraverso le farmacie convenzionate. Per la realizzazione di quanto previsto dall'accordo, la Regione Toscana ha destinato la cifra di 4 milioni, 2 sul bilancio 2016, 2 sul bilancio 2017.

 

Hanno firmato per la Regione l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, per Urtofar il presidente regionale Marco Nocentini Mungai, per la Cispel Alfredo De Girolamo, presidente di Confservizi di Cispel Toscana. Presenti anche i direttori generali delle tre aziende sanitarie di area vasta. "Le farmacie sono un presidio prezioso, non solo per l'erogazione di farmaci - ha detto Saccardi -. Sono vicine ai cittadini e sono per loro un importante punto di riferimento. L'accordo siglato stamani le coinvolge anche per servizi fondamentali come le prenotazioni Cup, il pagamento del ticket, l'attivazione della carta sanitaria elettronica. Servizi svolti finora da una parte delle farmacie, ma non da tutte".

 

Per Nocentini Mungai "stimiamo che circa l'80% delle farmacie toscane, quindi circa 1000 sul totale di 1300, aderiranno, mettendo a disposizione della cittadinanza servizi socio-sanitari e amministrativi, facilitando l'accesso dei cittadini alle prestazioni". Di "grande passo avanti" ha parlato De Girolamo secondo il quale questo è "un primo accordo, che potrà estendersi in futuro anche ad altri servizi, come diagnostica, consulenza, documentazione, per una completa integrazione delle farmacie nella rete dei servizi sociosanitari. Un nuovo modello di regione e un nuovo modello di farmacia del futuro".